INTERVISTA A LUCIA MISSANELLI, GUARDIA DELLA PFF GROUP BASKET FERRARA.

 I: Sei giovane ma vanti già un ottimo percorso nella pallacanestro: come e quando hai scoperto questo sport?                                    

L: "Ho scoperto questo sport all'età di 11 anni, quasi per caso: ero ad un compleanno e mentre giocavamo c'era Matteo Bonfieni, allenatore delle giovanili, e mi ha convinto a provare questa attività".                

I:Se dovessi "raccontare" Lucia Missanelli, come la descriveresti?                                  
L: "Sono una ragazza semplice, che ha voglia di migliorare impegnandosi al massimo in tutti gli allenamenti, ma che sicuramente ha ancora molto da imparare".                                           

I: Sei ferrarese: che cosa rappresenta, per te, giocare nella squadra della tua città?                                                 
L: "È una grande soddisfazione, perché so di aver iniziato e di essere cresciuta grazie alla Bonfiglioli".                                         
I: Fai parte del settore giovanile ma rientri con merito in prima squadra: quanto è importante, a tuo avviso, il settore giovanile nell'economia della prima squadra?                                           
L: "Secondo me il settore giovanile è importantissimo, è da li che si può vedere se ci saranno giocatrici interessanti per il futuro".                                                  

I: Quali sono le tue passioni oltre il basket?                           
L: "La mia passione, ovviamente oltre alla pallacanestro, è il calcio: ho sempre voluto giocarci fin da piccola, ma purtroppo o per fortuna, mia mamma me l'ha sempre proibito".                                             

I: Perchè scegliere la pallacanestro e non altri sport?                                                 
L: "Sicuramente è uno sport di squadra bellissimo che ti aiuta a crescere sia a livello di gioco, sia mentalmente; ti fa vivere mille emozioni e sai che impegnandoti avrai i tuoi risultati".                                              

I: Chi sono i tuoi idoli sportivi?                                          
L: "Il mio idolo sportivo è Stephen Curry, playmaker nei Golden State Warriors."

I: Vuoi ringraziare qualcuno in particolare in questo tuo "cammino" sportivo?
L: "Non c'è qualcuno che vorrei ringraziare singolarmente, ma vorrei dire grazie a tutte quelle persone che hanno creduto in me e che lo fanno tutt'ora... e a quelle persone che mi hanno fatto crescere"