Utilizzando questo sito si accetta l'uso dei cookies per scopi statistici. Maggiori info su
Text Size
Banner
Banner

Ferrara: Goro, sorpresi lavoratori del pesce in nero ed additivi chimici fuori norma

AI FINANZIERI DELLA BRIGATA DI CODIGORO NON TORNAVANO I CONTI SULLE PERSONE EFFETTIVAMENTE IMPIEGATE IN UNO STABILIMENTO DI GORO PER LA LAVORAZIONE E LA TRASFORMAZIONE DEL PESCE COMMERCIALIZZATO IN TUTTA ITALIA NELLE RETI DELLA GRANDE DISTRIBUZIONE.

IN PARTICOLARE ALLE FIAMME GIALLE NON ERANO PASSATE INOSSERVATE LE SQUADRE DI OPERAI, TUTTE PROVENIENTI DAL VENETO, CHE DA QUALCHE GIORNO SI AVVICENDAVANO IN CONTINUAZIONE AL LAVORO BENCHE’ FOSSE DI MOLTO INFERIORE IL NUMERO DI ADDETTI REGOLARMENTE REGISTRATI.

PER VEDERCI CHIARO E’ STATO EFFETTUATO UN CONTROLLO NELLO STABILIMENTO DURANTE IL QUALE SONO STATI SORPRESI AL LAVORO BEN 13 OPERAI IN NERO SUI 35 COMPLESSIVAMENTE IMPIEGATI.

ALLA VISTA DEI FINANZIERI I LAVORATORI IRREGOLARI, INTENTI A DECONGELARE UNA GROSSA PARTITA DI TOTANI ATLANTICI, HANNO TENTATO DI SCAPPARE.

LE RAGIONI DI TALE COMPORTAMENTO SONO STATE SUBITO COMPRESE UNA VOLTA ACCERTATO CHE SI TRATTAVA DI LAVORATORI PRECARI PROVENIENTI DAL BASSO POLESINE INGAGGIATI A COTTIMO IN RELAZIONE ALLE NECESSITA’ AZIENDALI E PAGATI IN NERO.

MA INSICURE NON ERANO SOLO LE SPERANZE DI UN IMPIEGO STABILE E REGOLARE PER GLI OPERAI, MA ANCHE LE CONDIZIONI DEGLI STESSI LUOGHI DI LAVORO OVE QUESTI ERANO COSTRETTI A OPERARE, RELEGATI IN UNA PICCOLA ALA IN DISUSO ADIACENTE ALLA STRUTTURA AZIENDALE, CARENTE DEI REQUISITI IGENICO-SANITARI PER LA LAVORAZIONE DI PRODOTTI DESTINATI AL CONSUMO UMANO.

PERALTRO ERANO PRESENTI NEI LOCALI CIRCA 1800 LITRI DI ADDITIVI UTILIZZATI PER LA CONSERVAZIONE DEL PESCE INSCATOLATO IL CUI TERMINE DI CONSERVAZIONE ERA SCADUTO.

I FINANZIERI HANNO QUINDI CHIESTO L’AUSILIO DELL’AREA SANITA’ PUBBLICA VETERINARIA DELL’AUSL DI FERRARA CHE, IMMEDIATAMENTE INTERVENUTA, HA SEQUESTRATO IL PRODOTTO IN LAVORAZIONE, CIRCA UNA TONNELLATA, RITENENDOLO NON IDONEO PER IL CONSUMO UMANO, STANTE LA CARENZA DELLE NECESSARIE GARANZIE IGIENICO-SANITARIE OFFERTE DAL PROCESSO PRODUTTIVO, COSÌ COME HA SEQUESTRATO GLI ADDITIVI RINVENUTI (HYDROMAR-4’, CAFODOS-C) IN QUANTO CONTENENTI ACQUA OSSIGENATA NON PIU’ UTILIZZABILE PER LA LAVORAZIONE DEI PRODOTTI ALIMENTARI.

Fonte: comunicato stampa Guardia di Finanza di Ferrara 21 lug. 2010


NOTIZIE