Utilizzando questo sito si accetta l'uso dei cookies per scopi statistici. Maggiori info su
Banner
Text Size
Banner

Immaginate un luogo dove le persone si salutano per strada...

 Immaginate un luogo dove le persone si salutano per strada... 

dove i bambini corrono rumorosi per le vie lanciandosi aeroplanini di carta... 
dove i ragazzi stanno seduti sulle panchine e parlano tra di loro e i vecchietti li criticano, stando seduti fuori dalla porta di casa... 
dove le massaie passano pomeriggi interi "affogate" in un mare di fagioli da sgusciare 
e dove ci sono le 'botteghe'.
Si, le botteghe...l'intero borgo è come una galleria commerciale con una bottega diversa per il pane, una per la verdura, una per la carne e una per il pesce. 
Botteghe così ricche di profumi e di chiacchere che ti serve la mattina intera per comprare due cose per il pranzo e arrivi in casa giusto in tempo per buttare la pasta. 

Ma lì non esiste la fretta. 

Come su Facebook impari tutto di tutti, e impari cosa ne pensano gli altri, senza bisogno di connessione.

Ricordi di tempi lontani e felici.

Ricordi di viaggio di Beatrice, alla quale ho rubato le parole (e che ringrazio moltissimo per la meravigliosa cartolina che ha descritto), parole che descrivono la sua vacanza di qualche giorno fa.

Nel 2014 esistono ancora luoghi così puri, cristallizzati in un mondo veloce, profumati, in un mondo di fumo. 

Sono vicino a noi, in Italia, in Toscana, ma anche in Emilia, in Umbria... probabilmente in tutta la penisola.

Spero che questi luoghi non cambino mai, perchè chiunque voglia possa rifugiarsi in un mondo vero, dove la tv non è padrona, dove quello che hai lo porti dentro di te e dove non contano le anoressiche modelle ne le vacanze sullo yacht.

 

 

NOTIZIE