Utilizzando questo sito si accetta l'uso dei cookies per scopi statistici. Maggiori info su
Banner
Text Size
Banner

Se vi dico dei cognomi ferraresi, a voi cosa viene in mente?

 Sondaggio: se vi dico dei cognomi ferraresi, a voi cosa viene in mente?

Cattabriga, Farinella, Orsatti, Virgili.

"No", il primo non è un famoso rissoso ferrarese.

"No", il secondo non è il famoso "castrato" canterino.

"No", non quello delle pasticcerie...

"No"nemmeno alla quarta, non è una mancanza di battitura sul nome del grande poeta latino.

Galileo Cattabriga (1901-1969) è un pittore ferrarese che vinse nel 1937 la medaglia d'oro all'Esposizione Universale di Parigi. Col suo stile pittorico vigoroso, cantava il paesaggio locale dalle non facili suggestioni. Divenne amico di de Pisis. Be questo lo conosciamo tutti no? L'eccelso pittore ferrarese assieme all'altra punta di diamante Giuseppe Boldini, di cui rispettivamente si è dato il nome alla scuola media e ad uno dei teatri cittadini.

Danilo Farinella, di cui è difficile anche trovare gli estremi cronologici, insegnava al "Dosso Dossi" (Guarda un po'! Un altro pittore ferrarese famoso, conosciuto anche grazie al nome dato appunto all'istituto d'arte), che decorava i pubblici ritrovi e le abitazioni ispirandosi agli affreschi delle sale nobiliari, producendo in parallelismo quadri sintetici o dal sapore melanconico.

Nemesio Orsatti (1912-1988), insegnante anch'esso al "Dosso Dossi", dipinge olii, affreschi e tempere e gli son state intitolate una sala espositiva ed una via a Pontelagoscuro. Gli affreschi di Palazzo Schifanoia gli ispirano opere che stacca dal muro e pone su tela, pregnanti di uno stile che affonda le radici nella scuola rinascimentale ferrarese. Alla ricerca di nuove espressioni, si dedica successivamente all'incisione.

Giuseppe Virgili (1894-1968), anch'esso fu insegnante al "Dosso Dossi, ma scultore.

Siete mai andati a vedere Palazzina Marfisa, notando magari il curioso putto in bronzo al centro della fontana in giardino?

O avete mai alzato il naso verso l'alto, guardando l'entrata o la fiancata del Conservatorio Frescobaldi? (un altro celebre ferrarese, ma stavolta musicista) mentre passavate nei parcheggi tra la piazzetta del Teatro Boldini fino all'incrocio di Corso Giovecca?

Ecco, quel putto, il Frescobaldi sull'entrata e la prima statua a sinistra sulla fiancata, sono tutte opere sue.

E solo per citare alcuni nomi tra i meno famosi del "circuito" ferrarese del secolo scorso. Assegnando ad ogni artista ferrarese una reale punta di diamante, riempiremo o quasi la facciata dell'omonimo palazzo in Ercole Primo d'Este.

Mi chiedo quanti siano ora incuriositi di andare a cercare i quadri, o le sculture, o le incisioni nei musei locali; e penso a quanti potranno essere, non trovandoli, che si soffermeranno sugli altri nomi presenti nelle "etichette", chiedendosi se e dove ci siano altre opere dello stesso artista, che magari ora non riecheggia nelle orecchie solo per il nome dato ad una scuola, ad una piazza o alla via dove abitiamo.

O quanti ancora andranno ad "alzare il naso" passando nel bellissimo centro storico, magari sorridendo pensando "cavoli, non ci avevo mai fatto caso".

Mi auguro in molti.

Fonti: www.premiosuzzara.it/opere-autori\cattabriga-galileo,124.html ; cortometraggio "Al filò", F.Vancini, 1953 ; it.wikipedia.org/wiki/Nemesio Orsatti.


Arte Cultura e Spettacolo