Utilizzando questo sito si accetta l'uso dei cookies per scopi statistici. Maggiori info su
Banner
Text Size
Banner

Un dirigibile al Ferrara Balloons Festival 2013

dirigibile  GEFA-FLUG mod. AS 105 GD al ferrara belloons festival

Un dirigibile al Ferrara Balloons Festival 2013

Dopo aver ottenuto il conferimento della prestigiosa Medaglia del Presidente della Repubblica come evento “meritevole nell’ambito dei rapporti con la società civile” e il riconoscimento di “Patrimonio d’Italia dal Ministero del Turismo Italiano, il Ferrara Balloon Festival 2013,  giunto alla sua 9° edizione , ha dato spettacolo con circa duemila voli, tra liberi e vincolati, sulle mongolfiere di  oltre una trentina di equipaggi che hanno colorato e rallegrato il cielo di Ferrara .Ferrara Balloons Festival le mongolfiere Lady Joker e Garfield

Oltre alla forma tradizionale a lampadina delle mongolfiere, quest’anno si sono potute ammirare le nuove inedite special shapes, Lady Joker, Cocorico, Garfield, Puffo, Stratolini ma tra tutte, quella che nel primo fine settimana del festival ha di certo attirato maggiormente l’attenzione, è stata il dirigibile.
 
I presenti hanno avuto modo di assistere agli splendidi voli di un bellissimo ed elegante dirigibile ad aria calda pilotato dall’ italiano Pietro Contegiacomo.
Ferrara Balloons Festival il dirigibile un GEFA-FLUG mod. AS 105 GD in volo
Il dirigibile è un mezzo aereo tra i più affascinanti che esistano e suscita in tutti noi emozioni che ci riportano ad altri tempi. Vedere oggi un dirigibile in volo, cosa molto rara in Italia, è più che un semplice spettacolo. 
Pietro Contegiacomo pilota di grande esperienza aeronautica con all’attivo più di 600 ore di volo in dirigibile e più di 3000 ore di volo in mongolfiera, è attualmente il più grande pilota italiano di questa specialità, titolare della Balloon Promotion S.A.S., società di volo aereo con una flotta di ben due dirigibili di questo tipo. 
 
Nell’anno 2010, nel corso dell’ultima edizione dei Campionati Mondiali per Dirigibili ad Aria Calda disputatisi in Francia, Pietro Contegiacomo si è classificato al terzo posto assoluto regalando all’Italia un piazzamento incredibile, ma soprattutto un risultato che ha coronato la tenacia e l’abilità di un pilota di dirigibile tra i più esperti e preparati che oggi  esistano.
Ferrara Balloons Festival vista del castello estense dal GEFA-FLUG mod. AS 105 GD
Il dirigibile di colore bianco che nei giorni del Ferrara Balloons Festival abbiamo visto volare sull’oasi verde del Parco urbano “Giorgio Bassani”, era un GEFA-FLUG mod. AS 105 GD pressurizzato, di ultimissima generazione, lungo 42 metri , diametro 13 metri  e  con un involucro della capacità di 3000 metri cubi di aria calda. La navicella sottostante, oltre ad ospitare il pilota , può alloggiare fino ad un massimo di tre passeggeri. La forza motrice dell’aeronave è fornita da un motore Rotax a 4 cilindri che fa muovere un’elica propulsiva a quattro pale.
Volare a trecento metri da terra a venti chilometri orari, scrutando la bellezza del paesaggio in ogni sua conformazione, è un’emozione che solo il dirigibile può dare.
 
Eppure il dirigibile in Italia , in un passato oramai lontano , ebbe momenti gloriosi che fecero diventare le industrie italiane della specialità tra le più famose al mondo.
 
Il primo dirigibile Italiano a sollevarsi in volo fu il piccolo dirigibile “Italia 1”, costruito nel 1905 a Schio, in provincia di Vicenza, dal conte Almerico da Schio ; di li a poco si affacciarono sulla scena nazionale e poi mondiale costruttori di aeronavi del calibro di Celestino Usuelli, Nico Piccoli, Enrico Forlanini, Gaetano A. Crocco, Ottavio Ricaldoni ed il Gen. Umberto Nobile che , con i suoi dirigibili “Norge” ed “Italia”, nel 1926 e nel 1928 ebbe il coraggio di sorvolare il Polo Nord per ben due volte, in epoche in cui molti non sapevano ancora come si potesse fare.
 
Ferrara Balloons Festival, il dirigibile città di ferrara
Anche la città di Ferrara ebbe una parte importante nella storia dei dirigibili Italiani, infatti , nei primi anni del secolo scorso , il Governo Italiano avviò la costruzione di un aeroscalo militare, sito a pochi passi dalla città, che una volta ultimato , assunse  subito un ruolo strategico tale da meritarsi che uno dei primi dirigibili militari italiani prodotti , il modello M2 del 1913, fosse battezzato “Città di Ferrara”.   

Oggigiorno , dell’epopea dei dirigibili , restano solo delle tracce storiche un po’ sbiadite ed  offuscate dal tempo, ma vedere questi nuovi e moderni dirigibili, dall’aspetto assolutamente pacifico ed innocuo , ci fa capire come sia sempre affascinante il volo più libero che possa esistere , il “Volo Più Leggero dell’ aria”.  
Ferrara Balloons Festiva, vista in volo della città di Ferrara dal dirigibile GEFA-FLUG mod. AS 105 GD
Si ringrazia Gianluigi Zarantonello, Presidente Ass. AIRSHIP SCHIO per l'assitenza tecnica

NOTIZIE