Utilizzando questo sito si accetta l'uso dei cookies per scopi statistici. Maggiori info su
Banner
Text Size
Banner

Ferrara. Sempre sotto controllo lo spaccio in zona grattacielo. Un altro arresto

 Erano da tempo nel mirino degli investigatori della squadra mobile della Polizia di Ferrara. Numerosi servizi di osservazione e pedinamento venivano effettuati nella zona stadio/grattacielo riuscendo ad individuare l’abitazione di cittadini nigeriani fortemente sospettati di trafficare droga nelle vicinanze.

Così, nella prima mattina di mercoledì 12 giugno, gli Agenti hanno fatto irruzione in un appartamento nella zona di via Agni trovando all’interno 4 nigeriani, tra cui una donna , tutti tra i 25 e i 30 anni e con regolare permesso per motivi umanitari rilasciati da altre Questure.

Durante la perquisizione di una stanza, sotto il materasso sono state ritrovate 15 palline termosaldate di cocaina del peso complessivo di circa 10,497 grammi lordi.

Il letto, dal quale si era appena alzato,  era quello di OBHIEBOH Julius, nigeriano del 1988, si è reso responsabile del reato di detenzione ai fini di spaccio di COCAINA  e per questo è stato arrestato.


All’atto della perquisizione il nigeriano era molto agitato ed aveva iniziato una specie di preghiera fissando in modo nervoso il suo materasso. Questo ha insospettito i poliziotti che hanno trovato le dosi già pronte allo spaccio sotto di esso.


Il cittadino straniero OBHIEBOH Julius, di fatto, risulta senza fissa dimora, senza attività lavorativa, non risulta intestatario di contratto di affitto, non ha reddito documentabile e probabilmente trova sostentamento proprio dall’attività di smercio delle dosi di stupefacente, ha un permesso di soggiorno per motivi umanitari dalla Questura di Belluno. Ora si trova in carcere.


Il palazzo è ben collegato con una stradina alla zona grattacielo e servizi di appostamento precedentemente svolti hanno potuto far constatare il via vai da quei palazzi di persone straniere verso quella zona.


Fondamentale è stato l’aiuto da parte dei residenti di zona che, con le loro segnalazioni,  hanno aiutato i poliziotti ad individuare il domicilio in questione.



NOTIZIE