Utilizzando questo sito si accetta l'uso dei cookies per scopi statistici. Maggiori info su
Banner
Text Size
Banner

Ferrara. Celebrazione del 199° Annuale della Fondazione dell'Arma dei Carabinieri

 Alle ore 12.00 di oggi, 5 giugno, presso la Caserma di via App. Carmine Della Sala  ha avuto luogo la tradizionale cerimonia militare del 199° anniversario della Fondazione dell'Arma dei Carabinieri.

Quest'anno la ricorrenza, conformemente alle direttive del Presidente della Repubblica e delle Autorità di Governo, è stata celebrata solo da una rappresentanza di tutti i reparti del Comando Provinciale di Ferrara.

Il Comandante Provinciale, Colonnello Antonio Labianco, dopo la lettura del messaggio del Presidente della Repubblica e l'Ordine del giorno del 5 giugno 2013, ha illustrato ai militari i risultati ottenuti dall'Arma ferrarese nella lotta alla criminalità in genere ed ha rivolto parole di elogio e ringraziamento a tutti i Carabinieri per l'impegno, la professionalità e lo spirito di sacrificio mostrato quotidianamente. La cerimonia si è conclusa con la consegna dei riconoscimenti personali concessi ai militari particolarmente distintisi in attività di servizio. 

PRINCIPALI RISULTATI OPERATIVI 

Nel periodo maggio 2012 aprile 2013 ai Carabinieri del Provinciale di Ferrara sono stati denunciati complessivamente 13.687 reati, i cui autori sono stati assicurati alla giustizia in 2.302 casi.

La percentuale di risultati positivi è più elevata per fatti di maggior rilievo e tende a scendere per gli episodi di criminalità diffusa come piccoli furti su autovettura atti di vandalismo, che costituiscono la gran parte delle denunce.

Sono state tratte in arresto 344 persone e deferite in stato di libertà complessivamente 2.565 persone a seguito di indagini esperite dall'Arma.

Incisiva è stata la lotta alla diffusione della droga che ha visto il recupero di 133 Kg. (solo 126 kg di hashish Vigarano Mainarda) di sostanze stupefacenti, la denuncia per spaccio di 150 persone di cui 106 in stato di arresto e la segnalazione al Prefetto di 215 tossicodipendenti per l'adozione di Sanzioni amministrative.

Tuttavia l'attività più rilevante espletata dai Carabinieri del Comando Provinciale è stata quella preventiva la cui influenza sull'andamento statistico della criminalità è, come ovvio, difficilmente quantificabile, ma sostanzialmente molto valida, viste le positive condizioni di vita e di Sicurezza della Provincia, confermate recentemente da autorevoli quotidiani. Sono stati espletati 782 servizi di Ordine Pubblico tesi ad assicurare l'ordinato svolgimento di manifestazioni sportive, comizi, mercati, ecc. ecc…

1.010 sono stati gli interventi di Soccorso svolti dai Carabinieri sulle strade della Provincia ed in mare; sono stati esperiti rilievi tecnici in incidenti stradali di cui 10 mortali (i deceduti sono 10) e 194 con feriti (di cui sono 281 le vittime).

457 patenti di guida ritirate e 235 automezzi sequestrati.

Analizzando i dati, la situazione dell'O.P. e della Sicurezza Pubblica possiamo affermare che il contrasto alla criminalità diffusa resta un obiettivo prioritario dell'attività di prevenzione e repressione dell'Arma di Ferrara. Tale affermazione trova, senza ombra di dubbio, riscontro nel fatto che proprio i Carabinieri hanno proceduto per il 87 % del totale dei delitti commessi nella provincia, con una  incremento rispetto al periodo precedente pari all'3,1 %.  Sono 18.521 le richieste (per informazioni, soccorso, per dissidi privati, consumazione di reati ed incidenti stradali) pervenute sull'utenza di emergenza 112, a conferma della fiducia della popolazione nell'Istituzione.  I dati statistici sull'andamento della criminalità della provincia, mostrano una leggera diminuzione ( 1,8 %) dei fatti denunciati rispetto all'analogo periodo dell'anno precedente mentre l'attività repressiva ha avuto una diminuzione del 35 % di persone arrestate e un aumento del 8,7 % delle persone denunciate in stato di libertà.  Lo sforzo è stato quello di ricercare una convergenza istituzionale per far si che l'attività di prevenzione e repressione di polizia giudiziaria si accompagni ad un'opera di prevenzione sociale. La sicurezza condivisa e partecipata tra le Forze di Polizia e le Istituzioni Pubbliche e private è stata la strategia perseguita. In tale ottica vanno quindi inquadrati i considerevoli sforzi profusi nel settore della circolazione stradale, con un aumento dell' 8 % delle persone denunciate per guida in stato di ebbrezza alcolica e della diminuzione del 15 % delle persone denunciate per guida sotto l'effetto di sostanze stupefacenti. Ne sono derivati, inoltre, una diminuzione del 3 % delle patenti ritirate ed un aumento del 15 % dei veicoli sequestrati.  Relativamente al settore delle sostanze stupefacenti, il costante impegno profuso ha portato ad un aumento del 738 % delle sostanze sequestrate, dell'15 % delle persone arrestate ed un calo del 62 % di quelle denunciate in stato di libertà.  Inoltre c'è stata una diminuzione del 14 % delle persone segnalate alla Prefettura quali assuntori.

Altrettanto efficiente è stato lo sforzo contro la criminalità predatoria ovvero dedita a furti in abitazione, scippi, rapine, spaccio minuto di droghe, questa viene costantemente monitorizzata ed analizzata si da offrire efficace azione di contrasto sia per contenere l'allarme sociale, per prevenire autonome iniziative di cittadini esasperati e soprattutto per evitare che la stessa possa divenire serbatoio di alimentazione per più gravi forme di criminalità.


NOTIZIE