Utilizzando questo sito si accetta l'uso dei cookies per scopi statistici. Maggiori info su
Banner
Text Size
Banner

Ferrara. Riceve in dono 30mila euro; sono troppi li porta ai Carabinieri

 Nei giorni scorsi, si è presentato presso la Stazione Carabinieri di Ferrara Corso Giovecca un ventottenne cittadino rumeno residente da tempo in città, il quale, ha consegnato ai militari una busta da lettera contenente la somma contante di oltre euro 30.000 gelosamente custodita all’interno e suddivisa in banconote di vari tagli.

Lo stesso, coniugato con sei figli a carico, ha riferito ai militari che il giorno precedente, mentre svolgeva regolarmente la sua attività di pizzaiolo in uno degli esercizi situati all’interno del Centro Commerciale “Il Castello” di Ferrara, aveva notato un anziano signore, conosciuto solo di vista perché altre volte notato come cliente, il quale, avvicinatosi al suo bancone di lavoro, gli aveva consegnato una busta, dicendogli testualmente “ti ho portato un pò di soldi!”

Impegnato al lavoro, il giovane rumeno non aveva dato importanza più di tanto a quel discorso, lasciando da parte quel pacchetto per poi ricordarsene nell’andare via.

Rientrato a casa alle ore 21.30 circa infatti, dopo aver terminato il proprio turno di lavoro, aveva aperto la busta incuriosito, restando letteralmente esterrefatto da quanto vi era contenuto. …oltre 30.000 euro in banconote da 50, 100 e 500!!!

Senza dire nulla alla moglie ed ai suoi sei figli, aveva poi accuratamente nascosto in cantina quel patrimonio, riprendendolo senza farsi vedere la mattina successiva per recarsi, immediatamente, presso la più vicina Stazione dei Carabinieri, quella di Corso Giovecca appunto, dove li aveva consegnati spontaneamente ai militari senza pensarci due volte, dicendo anche di non ritenere giusto tenerli.

Il personale di quel Comando allora, insieme ai colleghi del Nucleo Operativo e Radiomobile, si sono da subito adoperati per cercare di risalire all’identità di quell’anziano pensionato così generoso, ricerca conclusasi poco tempo dopo quando, oltre ad identificare l’uomo, hanno potuto conoscere dell’esistenza anche di un figlio.

Contattati ed invitati entrambi in caserma, i militari hanno così potuto verificare che effettivamente l’anziano uomo aveva fatto il bel “regalo” e stanno cercando di capirne le motivazioni ma, a prescindere da tutto, quello che ne resta, oltre all’encomiabile impegno 
dei militari intervenuti, è sicuramente una bella storia ed un bel gesto, soprattutto da parte del giovane cittadino di origine rumena al quale, vista anche la numerosa prole, sicuramente avrebbe fatto comodo quell’ingente somma di denaro.

Il grande senso civico dimostrato dal ventottenne è infatti fuori discussione ed è un’importante testimonianza, qualora ve ne fosse ancora bisogno, di come le persone oneste esistano e non si distinguano per nazionalità o altro. Troppo spesso infatti, per nostra colpa, ci accorgiamo di loro solo nelle notizie che li vedono protagonisti in negativo; al contrario, sempre più spesso, come accadde anche il mese scorso per un furto in flagranza, sono proprio i “nuovi” cittadini a collaborare con le Forze di Polizia, indicando talvolta gli autori dei reati con coraggio e dimostrando, in ogni caso, un invidiabile senso civico.

NOTIZIE