Utilizzando questo sito si accetta l'uso dei cookies per scopi statistici. Maggiori info su
Banner
Text Size
Banner

Il fenomeno dello speed date e le relazioni ai tempi di Facebook


Il metodo in cui gli uomini si relazionano con le donne, e viceversa, è molto cambiato nell’era del digitale e con l’ingresso massiccio dei Social Network nella vita quotidiana.

Se infatti in passato per trovare una donna o un uomo da corteggiare bisognava mettersi in gioco in prima persona, uscendo di casa ed andandosi a cercare l’anima gemella, oggi ci si fa spesso scudo di una tastiera e dello schermo di un PC.

Aggregatori sociali come Facebook sono diventati sempre più importanti all’interno dei fenomeni relazionali tra le
persone, al punto che spesso diventa più difficile comunicare con l’altro nel momento in cui lo si ha davanti
in carne e ossa. Sulla scia degli “incontri al buio” in versione virtuale, si sta espandendo sempre di più
anche il fenomeno incontri lampo con sconosciuti single e aumentano le offerte di speed date da parte di
locali e ristoranti. Una moda può essere accomunata con gli incontri sul web dalla velocità con cui vengono
date le informazioni dai partecipanti, oltre che dal fatto di non doversi preoccupare di dare motivazioni se
il partner incontrato non interessa, dal momento che basta non comunicare il suo nome agli organizzatori
dello speed date.

In linea di massima questi incontri infatti vengono organizzati da delle agenzie apposite, presenti sul
territorio oltre che sul web, dove si trovano diverse offerte per partecipare alle serate, che vengono
proposte sui diversi deals, da Groupon.it a DealCity e PoinX. Gli organizzatori quindi contattano un
determinato numero di partecipanti i quali durante la serata potranno conoscere circa una ventina di
persone single del sesso opposto, e avranno a disposizione 3 minuti per ogni appuntamento. In questo
modo si riduce di molto la fase della comunicazione non verbale, che secondo gli psicologi, risulta
essere il momento fondamentale nell’approccio con l’altro; ed è proprio questo tipo di comunicazione
che viene completamente a mancare anche nelle relazioni che nascono sui Social Network, dove, per la
caratteristica stessa del mezzo, ci si mostra solo attraverso la parola, che viene a sua volta derubata di quel
corollario necessario alla seduzione, come il tono della voce e le movenze delle labbra e del resto del corpo.
Analizzando le reazioni di alcuni partecipanti agli speed date, viene analizzato proprio questo aspetto,
per cui sembra che agli uomini piacciano di più le donne che hanno un determinato tono di voce, o che lo
cambiano spesso durante il breve incontro. E’ quindi un dato certo che sia impossibile attrarre un uomo
grazie a questi mezzi di seduzione, da parte di una donna che cerchi relazioni su Facebook.

Il problema che spesso si può riscontrare, poi, è quello dell’incapacità a comunicare al di fuori dei contesti
digitali, in quanto risulta più difficile dimostrare le proprie emozioni in via diretta, ma questa difficoltà
sembra essere limitata quando si parla di speed dating, e questo grazie all’atmosfera ludica che si crea
fra i partecipanti a questo tipo di appuntamento, per cui, il fatto di sapere che ci si trova in un luogo con
le medesime intenzioni e il poco tempo a disposizione per la conoscenza, aiuterebbero nell’approccio
relazionale. Se quindi è difficile capire se una persona veramente ci interessa partendo da pochi scambi di
messaggi su Facebook, è invece molto più probabile riuscire a trovare degli elementi di seduzione in una
persona che siede davanti a noi, anche se per pochi minuti.

Scienza Natura Storia e Salute