Utilizzando questo sito si accetta l'uso dei cookies per scopi statistici. Maggiori info su
Text Size
Banner
Banner

Ferrara. Guardia di Finanza, un 2012 di contrasto all'evasione fiscale

 Nel 2012 la Guardia di Finanza di Ferrara, ha impresso una significativa accelerazione a tutte le attività operative allo scopo di contrastare i fenomeni illeciti in ambito economico, di recuperare risorse sottratte all’Erario e garantirne il corretto impiego per il benessere della collettività e per lo sviluppo ed il rilancio della economia.

Particolare attenzione è stata rivolta al contrasto del fenomeno
dell’evasione fiscale, maggiormente lesivo soprattutto nei suoi aspetti
fraudolenti, degli interessi pubblici, anche attraverso l’aggressione dei
patrimoni illecitamente accumulati, sottraendoli alla disponibilità di coloro
che hanno beneficiato dell’evasione perpetrata.

Contro tali forme di illeciti economici e finanziari, le Fiamme Gialle
ferraresi, hanno concentrato i propri sforzi operativi e dedicato importanti e
qualificate risorse, per affermare, quotidianamente, il rispetto delle regole e
per dare un’adeguata risposta alla sempre più forte domanda di legalità da
parte dei contribuenti.

Per il 2013, in linea con gli obiettivi fissati dal Comando Generale del
Corpo, la Guardia di Finanza di Ferrara, concentrerà ogni risorsa operativa
per tutelare l’economia legale ed il corretto funzionamento delle regole di
mercato, operando al fine di colpire, con concretezza ed efficacia, tutti i
fenomeni illeciti che, nella loro globalità e trasversalità, si connotano per la
capacità di mettere in pericolo gli interessi economico-finanziari dello Stato,
dell’Unione Europea, e degli Enti locali.

CONSUNTIVO DELL’ATTIVITA’ 2012
DELLA GUARDIA DI FINANZA DI FERRARA

LOTTA ALL’EVASIONE ED ALLE FRODI FISCALI

Nel corso dell’anno 2012 sono stati portati a termine complessivamente nr.
520 interventi da cui sono scaturiti ai fini dell’imposte sui redditi recuperi per
oltre 150 milioni di euro. Nel comparto dell’imposta sul valore aggiunto è stata
complessivamente segnalata un’I.V.A. dovuta per oltre 40 milioni di euro. 63 sono
stati i soggetti totalmente sconosciuti al fisco (c.d. “evasori totali”) individuati. A fronte
delle violazioni riscontrate ed allo scopo di fornire una garanzia di effettivo incasso
delle somme evase, sono state avanzate richieste di misure cautelari reali e sequestri
per equivalente, in presenza di reati fiscali, per circa 9 milioni di euro sui beni degli
evasori individuati.

Sempre in tema di lotta all’evasione fiscale, le investigazioni più significative hanno
riguardato le attività illecite svolte da vere e proprie organizzazioni a delinquere,
ramificate anche in altre parti del territorio nazionale e dedite, attraverso la creazione
di società compiacenti, alla frode fiscale, con il ricorso all’emissione ed utilizzazione di
fatture false. Sono 79 i responsabili di reati fiscali denunciati all’Autorità Giudiziaria,
di cui 4 arrestati.

Il controllo “economico” del territorio ha permesso di acquisire importanti indici di
ricchezza nei confronti di più di 200 soggetti possessori di beni immobili e beni mobili
registrati. Nei confronti di tali soggetti sono in corso accertamenti per verificare la
congruità della posizione fiscale rispetto al valori dei beni posseduti.

Nel comparto dei c.d. “controlli strumentali”, riguardanti gli obblighi di rilascio degli
scontrini e delle ricevute fiscali, sono stati controllati più di 2.670 esercizi commerciali,
con la constatazione di 756 violazioni. In tale contesto sono stati proposti 28
provvedimenti di sospensione delle attività ed eseguiti 5 provvedimenti di chiusura
delle attività per ripetute violazioni agli obblighi di emissione degli scontrini e ricevute
fiscali.

In materia di sommerso da lavoro sono state effettuati decine di controlli nei luoghi di
lavoro. Nel complesso, sono stati individuati 43 lavoratori in “nero”.

TUTELA SPESA PUBBLICA

L’attività a tutela della finanza pubblica e del bilancio dell’U.E., dello Stato delle Regioni
e degli Enti Locali, tesa a salvaguardare il corretto impiego delle risorse pubbliche, ha
portato a segnalare alla Corte dei Conti illeciti per oltre 1,2 milioni di €, dei quali circa
700 mila € relativi a finanziamenti non ancora erogati e prontamente bloccati. 22 sono
state le persone denunciate, per indebita percezione di contributi pubblici e truffa ai
danni dello Stato.

Nel corso del 2012 sono stati svolti anche i controlli sulle cc.dd. “prestazioni sociali
agevolate” erogate da vari Enti locali a favore dei nuclei familiari che avevano
falsamente dichiarato un basso reddito. A fronte dei 75 controlli eseguiti sono state
denunciate alla Autorità Giudiziaria 35 persone per i reati di truffa e di falsità
ideologica.

TUTELA DEL MERCATO DEI CAPITALI

Al fine di prevenire il rischio di utilizzo del sistema finanziario a scopo di riciclaggio sono
stati eseguiti 59 controlli nei confronti di altrettante persone segnalate per aver posto in
essere operazioni finanziarie sospette, nonché eseguite 6 attività antiriciclaggio,
nei confronti di case di d’asta, professionisti, società finanziarie, money transfer.

Nel corso dei controlli per la verifica della normativa sulla limitazione dell’uso del
contante, sono state accertate circa 100 transazioni irregolari di denaro contante per
oltre 1,4 milioni di euro effettuate al di fuori degli ordinari canali bancari.

Oltre 100 segnalazioni per i reati fallimentari sono state inoltrate all’A.G. Di queste
ben 60 riguardano la bancarotta fraudolenta.

STUPEFACENTI

La lotta alle sostanze stupefacenti ha portato all’arresto di 30 persone per il reato di
spaccio, mentre altre 11 sono state denunciate a piede libero. Nel complesso durante
l’anno è stato sequestrato 1,7 kg di sostanze stupefacenti.

Intensa anche l’attività di contrasto al fenomeno svolta nel corso del periodo estivo sui
lidi ferraresi, nonché quella preventiva e repressiva condotta davanti le discoteche ed
altri luoghi di aggregazione. Diverse decine sono state le segnalazioni di assuntori di
droga, in prevalenza giovani e giovanissimi, inviate alle competenti Prefetture.

IMMIGRAZIONE CLANDESTINA

Nel corso delle attività dirette al controllo del territorio, sono stati individuati 15 immigrati
irregolari, dei quali 14 denunciati per violazione alla legge sull’immigrazione.

CONTRABBANDO DI SIGARETTE

Contro il fenomeno del contrabbando di sigarette provenienti dall’Est Europa, sono stati
disposti controlli lungo le principali arterie viabili della Provincia con il sequestro di quasi
25 kg di tle e la denuncia di 3 responsabili.

PIRATERIA AUDIOVISIVA, CONTRAFFAZIONE MARCHI, CODICE DEL
CONSUMO

La lotta alla contraffazione si è svolta soprattutto nel periodo estivo sui lidi comacchiesi
ed in quelli invernali sulle vie centrali della città capoluogo.

Sono state denunciate 24 persone e sono stati sequestrati oltre 265.000 capi ed
accessori di abbigliamento contraffatti.

I controlli effettuati a tutela del marchio CE hanno portato al sequestro di oltre 4.000
articoli, in maggior parte giocattoli, perché contenenti sostanze nocive per la salute.

NUMERO DI PUBBLICA UTILITÀ “117”

Il numero di pubblica utilità “117” ha registrato diverse centinaia di chiamate nei vari
settori d’intervento con particolare riguardo alle irregolarità in materia fiscale e di lavoro
dipendente. Diverse decine anche le richieste di interventi contro lo spaccio di droga e
la vendita dei prodotti contraffatti.

Oltre 2000 pattuglie automontate hanno garantito il servizio su tutto il territorio della
provincia garantendo una copertura 24 ore su 24.

CONCORSO ALLA SICUREZZA E ALL’ORDINE PUBBLICO

Oltre al contributo ordinario che il Corpo destina al concorso alle varie attività
inerenti l’ordine e la sicurezza, nel corso del 2012 ha avuto grande rilevanza
l’impegno profuso a favore delle popolazioni colpite dal terremoto che ha
interessato gravemente molti comuni della provincia di Ferrara. In tali attività
sono state impegnate oltre 600 pattuglie.

Tags

NOTIZIE