Utilizzando questo sito si accetta l'uso dei cookies per scopi statistici. Maggiori info su
Text Size
Banner
Banner

Ferrara. Traffico illecito di abbigliamento: 26 denunciati per frode ed evasione fiscale da 38 milioni

 A conclusione dell’operazione denominata “Luna d’Oriente 2”, le Fiamme Gialle

ferraresi hanno denunciato all’A.G. ventisei imprenditori, tutti di origine cinese,
per reati di frode ed evasione fiscale, segnalando ai competenti uffici finanziari
base imponibile complessiva, ai fini delle imposte sul reddito, per 38 milioni di
euro ed I.V.A. dovuta per 5 milioni di euro.

In particolare l’esecuzione, da parte della Tenenza di Cento, di mirate verifiche
fiscali ha permesso di individuare una diffusa quanto illecita prassi economico-
affaristica adottata al mero scopo di evadere le imposte, caratterizzata da una
ampia gamma di condotte penalmente rilevanti: dallo “scambio” ed utilizzo
di fatture per operazioni “oggettivamente” inesistenti - per 24 milioni di euro -
al ricorso a imprese “apri e chiudi”; dall’utilizzo di prestanomi alla guida delle
imprese indagate alla sottrazione fraudolenta alla riscossione di beni riferibili agli
stessi imprenditori scorretti.

Proprio con riferimento alla sottrazione di beni alla riscossione e ad altre
condotte fraudolente, le Autorità Giudiziarie competenti (su proposta delle
rispettive Procure della Repubblica di Bologna, Modena e Forlì) hanno emesso
complessivamente nove provvedimenti di sequestro preventivo, nella forma
per equivalente, nei confronti di altrettanti imprenditori. In conseguenza sono
stati individuati e sequestrati - da ultimo il 20 gennaio scorso - beni immobili,
autoveicoli e disponibilità finanziarie (crediti, quote societarie, saldi attivi di conto
corrente) per un valore complessivo di circa di 3 milioni di euro.

Le imprese coinvolte, con sedi in varie province dell’Emilia Romagna, operano in
gran parte nel settore delle confezioni di abbigliamento e calzature nonché nella
commercializzazione dei medesimi prodotti.

Tags

NOTIZIE