Utilizzando questo sito si accetta l'uso dei cookies per scopi statistici. Maggiori info su
Banner
Text Size
Banner

Ferrara. Lotta alla criminalità: risultati costanti

 Continua l’attività di controllo del territorio da parte della Compagnia Carabinieri di Ferrara con una costante intensificazione dei servizi preventivi. I risultati ottenuti nell’ultimo fine settimana, sono notevoli, a partire dall’intervento di sabato mattina portato a termine congiuntamente dai militari del Nucleo Operativo e Radiomobile e dal personale delle Volanti della Questura, col quale si è scongiurato il suicidio del cittadino rumeno arrampicatosi sull’albero del Montagnone di Piazza Travaglio, cittadino ora in cura presso l’Arcispedale S.Anna di Cona.

I militari del Nucleo Operativo e Radiomobile della città estense, sono intervenuti in Corso Piave dove era segnalata la presenza di una persona che, in evidente stato di ebbrezza alcolica, recava disturbo alla quiete pubblica. Giunti sul posto infatti hanno subito individuato D.M., pregiudicato del 1971, il quale, alla richiesta di fornire le proprie generalità li ha dapprima oltraggiati e poi feriti

con calci e pugni, al fine di evitare il controllo di polizia. Definitivamente bloccato ed accompagnato presso gli uffici di via del Campo, D.M. è stato tratto in arresto per resistenza, lesioni ed oltraggio a Pubblico Ufficiale. A seguito del giudizio direttissimo si trova ora agli arresti domiciliari presso la propria abitazione.

Altri due interventi il personale del NORM ha invece effettuato presso centri commerciali della città. Il primo, avvenuto presso l’Ipercoop “Il castello”, ha portato all’arresto per furto aggravato di K.I., albanese del 1972, sorpreso poco prima da personale di vigilanza dopo aver asportato un depilatore elettrico e capi vari di abbigliamento per un valore di 150 euro circa, e bloccato dopo aver oltrepassato le casse senza pagare. La merce è stata restituita all’avente diritto immediatamente. A seguito di perquisizione, sulla sua persona, è stata trovata anche una tronchese utilizzata per rompere i dispositivi anti taccheggio, ovviamente sequestrata.

Il secondo intervento invece, è avvenuto presso l’esercizio commerciale “Coin” di via Cortevecchia, dove i militari hanno preso in consegna una donna che poco prima aveva oltrepassato le casse con della merce senza aver pagato. B.A., italiana del 1955, è stata deferita in stato di libertà per furto, mentre la refurtiva, nella fattispecie un profumo, è stato immediatamente restituito all’avente diritto.

CONTRASTO ALLA GUIDA SOTTO L’EFFETTO DI ALCOOL E STUPEFACENTI

Numerosi, specie nel fine settimana, anche i servizi posti in essere dal Nucleo Operativo e Radiomobile di Ferrara sulla città, al fine di contrastare il fenomeno della guida sotto l’effetto di sostanze alcoliche e/o stupefacenti, servizi che sono sfociati nella denuncia di numerose persone.

Nel corso di uno dei tanti controlli alla circolazione stradale, i militari hanno intimato “l’ALT” ad una autovettura che inizialmente ha rallentato e poi, giunta all’altezza del militare addetto al controllo, ha improvvisamente accelerato la propria corsa, costringendo lo stesso carabiniere a scansarsi per evitare di essere investito. Immediatamente rincorsa dagli stessi militari lungo le vie cittadine, la vettura in fuga è stata poi definitivamente bloccata ed il conducente identificato in B.P., classe 1965, che, alla richiesta di spiegazioni sulla folle fuga ha risposto di essere sprovvisto della patente di guida poiché la stessa era stata in altro episodio già sospesa. A conclusione degli accertamenti, B.P. è stato pertanto denunciato per guida senza patente.

B.D., nigeriano del 1989, invece, è stato sorpreso in Piazzetta Castellina, zona Grattacieli, alla guida di una autovettura in evidente stato di ebbrezza alcolica. Nella circostanza, alla richiesta dei militari, ha rifiutato di sottoporsi all’accertamento con l’etilometro e, come se non bastasse, i successivi accertamenti hanno consentito di appurare che la patente di guida, lui, non l’aveva mai conseguita. L’autovettura é stata pertanto sequestrata, lui denunciato per guida senza patente e guida in stato di ebbrezza alcolica.

S.S. del 1989, C.R. del 1979 e B.W. del 1987 invece, sono stati sorpresi alla guida delle rispettive autovetture con un tasso superiore al doppio del consentito. Le loro patenti di guida sono state ritirate.

M.K., russa del 1983, è stata sorpresa in centro, in pieno giorno, mentre tranquillamente, alla guida di un’autovettura, aveva un tasso di alcol nel sangue superiore del quadruplo rispetto a quanto consentito dalla legge e, anch’essa, come se non bastasse, era sprovvista del documento di guida. I successivi accertamenti hanno poi consentito di appurare che la patente di guida, non era mai stata neppure conseguita. Pertanto M.K. è stata denunciata sia per la guida in stato di ebbrezza alcolica che per quella senza patente.

Due giovani infine, S.F. del 1993 e T.N. del 1978,nel corso di un servizio finalizzato alla prevenzione e repressione dello spaccio di sostanze stupefacenti, sono stati sorpresi rispettivamente con un involucro contenente sostanza stupefacente del tipo “ecstasy” e di una dose di “hashish”. Le sostanze sono ovviamente state sequestrate e, se il secondo è stato soltanto segnalato quale assuntore 
alla locale Prefettura, il primo, a seguito di esame tecnico sulla sostanza, è stato denunciato per spaccio.

Nel corso dei vari servizi, sono stati impiegati circa 150 militari con una cinquantina di veicoli. Alcune attività di prevenzione e repressione sono state svolte anche con l’ausilio dei militari del Nucleo Cinofili di Bologna, spesso impiegati fianco a fianco con i colleghi di Ferrara sulla città estense. Sono stati controllati 175 veicoli e identificate 263 persone. Diciassette infine le contravvenzioni al Codice della strada elevate a vario titolo.

Tags

NOTIZIE