Utilizzando questo sito si accetta l'uso dei cookies per scopi statistici. Maggiori info su
Text Size
Banner
Banner

Ferrara. Festival Internazionale: criminalità nel web

 Durante il Festival di "Internazionale" (5-6-7 ottobre) svoltosi a Ferrara, presso la struttura universitaria di Palazzo Tassoni si è tenuto l'evento dal titolo "Attenti all'hacker - internet tra opportunità economica e criminalità".

Un incontro che ha coinvolto giornalisti (Gian Paolo Accardo, Udo Gümpel, Vincenzo Spagnolo), l'ex colonnello della Guardia di Finanza a Capo del Gruppo Anticrimini Telematici Umberto Raspetto e la rappresentante della Commissione Europea, Ewelina Jelenkowska-Lucá.

La discussione ha illustrato come l'evoluzione di internet è stata sfruttata fortemente fin dall'inizio dal crimine organizzato.
Negli anni si è passato dal phishing (il criminale invia per email una richiesta di informazioni riservate che poi usa per sottrargli denaro o altro tipo di truffa, al vhishing (furto di dati per telefono).
Un esempio di quest'ultimo sfrutta il sistema usato dai proprietari di carta di credito che avvisa via sms delle spese effettuate.
Solitamente avviene a cavallo del fine settimana (proprio quando le banche sono chiuse), arriva un messaggio che comunica una spesa copiscqua effettuata in un Paese straniero.
Successivamente si viene avvisati della modalità di come effettuare il corretto blocco.
La prima operazione suggerita è di fare una chiamata ad un numero verde (che in realtà è un numero che inizia con 899), dall'altra parte vi è un "rispondente", che obbliga il "truffato" a  effettuare un tot di telefonate con scatto alla risposta prima di mettersi in collegamento.

Dopo essere riusciti a prendere la linea, viene richiesto di digitare vari dati della carta di credito (numero intero, codice di sicurezza
CVC2, vecchio PIN, cambiamento del PIN), in questo modo senza rendersene conto si è forniti volontariamente tutti i dati protetti al criminale.

Come fare per cercare di difendersi dai crimini informatici?
Bisogna che si crei un "Grande Fratello" che effettui il controllo totale dei dati che girano su internet?
 L'ex colonnello della Guardia di Finanza Raspetto suggerisce di fare educazione, ogni utente dovrebbe conoscere correttamente l'uso di internet.
Vincenzo Spagnolo contrabbatte che prima di tutto bisogna stare attenti alle informazioni che si danno nel mondo del web, perché non si ha il controllo sulla loro diffusione.
Il giornalista Gümpel spiega che è fermamente contrario ad un controllo totale perché la privacy deve essere garantita completamente come avviene in Germania.
Infine la rappresentante della Comunità Europea,
Ewelina Jelenkowska-Lucá , dichiara che nel lungo tempo bisogna che i paesi stati membri cooperino fra di loro per sconfiggere il crimine.

 
 

NOTIZIE