Utilizzando questo sito si accetta l'uso dei cookies per scopi statistici. Maggiori info su
Text Size
Banner
Banner

Ferrara. Bici rubata, ritrovata su internet: nei guai un 16enne

 Le rubano la bici, la ritrova su internet. Succede spesso, e bisogna agire con furbizia.

Questa volta è capitato ad una signora ferrarese: lo scorso 9 luglio  le rubano la bicicletta, un pezzo  d’epoca,  marcata Umberto Dei, mentre si trovava nei pressi di piazza Ariostea.

Il giorno dopo, per caso,  visionando il sito internet  “Subito.it”, vede proprio la sua bicicletta, già posta in vendita e proprio a Ferrara. Giunta a raccontare il fatto negli uffici della Squadra Mobile, viene fissato un appuntamento con il venditore per le ore 18 del 12 luglio in piazza Trento e Trieste. La richiesta era di visionare la bici per procedere al suo acquisto.

Così, gli Agenti della Squadra Mobile organizzano un servizio di osservazione e, nell’istante in cui il venditore, munito di bicicletta, si presenta all’appuntamento, viene subito bloccato ed identificato.

Si tratta di un 16enne moldavo, residente a Ferrara, che viene denunciato per ricettazione alla Procura dei minorenni di Bologna.

La polizia consiglia di controllare sempre nei siti con inserzioni di privati come ad esempio subito.it, o e-bay per verificare la presenza della propria bicicletta rubata perchè spesso  il ladro o il ricettatore cercano subito di venderla.

Per renderla irriconoscibile al proprietario, a volte  possono modificarla: in questo caso ad esempio era stato tolto il cestino di vimini ed il copri raggi, elementi troppo particolari che avrebbero destato subito sospetti. Altre volte addirittura , come nel caso di bici da corsa, è stato messo in vendita il solo telaio e, a parte, in un’altra inserzione le ruote.

Nel caso si riconosca un oggetto proprio, non bisogna assolutamente chiamare il numero indicato ma recarsi presso il più vicino posto di Polizia per effettuare l’operazione in sicurezza dietro il consiglio e la guida degli operatori, e comunque, prima di effettuare qualsiasi contatto con l’inserzionista, è fondamentale aver almeno comunicato la situazione alla Polizia per operare nella massima sicurezza.


Tags

NOTIZIE