Utilizzando questo sito si accetta l'uso dei cookies per scopi statistici. Maggiori info su
Text Size
Banner
Banner

Ferrara. Terremoto: chiusi i campi accoglienza, la situazione aggiornata

 Il Centro di coordinamento provinciale dà un aggiornamento relativo al numero delle persone ospitate nei campi e nelle strutture alberghiere.

Sono in tutto 1.258 coloro che sono fuori casa dopo le scosse di terremoto del 20 e 29 maggio scorsi, alloggiati nelle strutture allestite dalla macchina dei soccorsi (790) e negli alberghi del territorio (468).
A Cento rimane aperta la sola tendopoli del Centro Santa Liberata che conta 431 ospiti, mentre in 83 sono tuttora sistemati in albergo. Il 24 giugno e il 4 luglio sono stati chiusi i campi di Casumaro e Alberone.
Nel Bondenese è stato chiuso il 4 luglio lo scalo merci con vagoni attrezzati per l’ospitalità, mentre risale al 29 giugno la chiusura della struttura coperta a Pilastri. Alla scuola media di via Gardenghi rimangono tuttora ospitate 20 persone.
Nel territorio matildeo si contano poi 136 persone in albergo.
Passando a Sant’Agostino il centro sportivo di San Carlo dà tuttora ospitalità a 183 persone, mentre non è più in funzione dal 5 luglio il Pala Reno. In questo territorio 54 sono le persone che hanno trovato alloggio in hotel.
A Poggio Renatico si contano solo persone in albergo, 39, così come a Mirabello, 59, e a
Vigarano con 13, dove è stato chiuso lo scorso 5 luglio il Pala Vigarano.
Nella città capoluogo, infine, il complesso Darsena City ospita 127 persone, la Casa Senza
Frontiere 6 e l’Ostello 23. A Ferrara risultano 84 le persone ospitate in albergo.
“A seguito della chiusura dei campi e delle strutture di accoglienza – precisa la presidente
della Provincia, Marcella Zappaterra -, che al 21 maggio contavano oltre 2.000 sfollati,
le persone sono rientrate in casa oppure sono state ospitate negli alberghi in condizioni
decisamente più confortevoli. Direi che abbiamo dimostrato efficienza, capacità di dare
risposte in tempi rapidi – prosegue – e di aver fatto risparmiare non poche risorse alla
Protezione civile, dando così prova concreta e reale di come si fa davvero spending review”.

Tags

NOTIZIE