Utilizzando questo sito si accetta l'uso dei cookies per scopi statistici. Maggiori info su
Text Size
Banner
Banner

Ferrara. La storia di un premio mancato alle Olimpiadi di Portomaggiore

 Quando l'Olimpiade di Portomaggiore era ormai conclusa, agli organizzatori è stato segnalato il caso di un bambino di San Bartolomeo, originario della Cina, che ha partecipato alla gara di MOUNTAIN BIKE utilizzando una vecchissima bicicletta, non certo da competizione, che gli era stata prestata proprio per l'occasione.

Nella qualificazione era arrivato fra i primi 3 e credeva di essere arrivato a medaglia, così è entrato in campo posizionandosi con la sua bici a fianco del gazebo dello speaker da dove partiva il cermoniale delle premiazioni, credendo dovessero premiarlo.

Era stato visto così, col casco ancora in testa, sostare a lungo nei pressi della postazione microfonica, pensando erroneamente di aver vinto la medaglia di bronzo.

Per l’entuisiasmo con cui ha partecipato alla gara e soprattutto per quella sua bicicletta, che più di ogni altro esempio interpreta al meglio lo spirito originario delle Olimpiadi del Reno, quel bambino avrebbe meritato un premio. Non averlo potuto fare, è stata davvero un'occasione persa.   

In effetti era previsto il premio Dorando Pietri dedicato al bambino protagonista dell'impresa più sfortunata e che quest'anno non è stato assegnato per mancanza di segnalazioni.

Anche se di errata valutazione si trattava, e non di sfortuna, quel bimbo meritava il premio; di sicuro l'organizzazione saprà rendergli merito, ad esempio durante qualche altra manifestazione sportiva in programma a San Bartolomeo, in occasione della quale potrà ricevere pubblicamente un premio con tanto affetto da tutti gli organizzatori delle Olimpiadi di Portomaggiore.



Tags

NOTIZIE