Utilizzando questo sito si accetta l'uso dei cookies per scopi statistici. Maggiori info su
Text Size
Banner
Banner

Ferrara. Terremoto, Architettura aperta anche di notte

Dopo gli eventi sismici dei giorni scorsi, la facoltà di architettura, raccogliendo le richieste avanzate da alcuni studenti, ha lasciato le porte aperte a chiunque avesse bisogno di passare la notte fuori casa, in alcuni casi perchè danneggiata dal terremoto, in altri semplicemente per paura di altre scosse.
E' così che il week end appena trascorso, dal 1 al 3 giugno, gli studenti, in accordo con il personale della facoltà e con il personale della sicurezza, si sono organizzati per lasciare la facoltà aperta sia di giorno che di notte, con turni di sorveglianza giornalieri. 
I referenti, ogni giorno, hanno stilato una lista degli studenti presenti in facoltà, che è stata poi consegnata al personale tecnico delluniversità.
Il riscontro dell'esperienza è stato molto positivo; abbiamo registrato un'elevata affluenza di studenti che, soprattutto durante il giorno e la sera, hanno trovato nei locali della facoltà un posto sicuro in cui ritrovarsi, in cui studiare, in cui stare insieme.
Il desiderio diffuso tra chi ha partecipato a quest'iniziativa è quello di poter continuare ad usufruire dei locali messi a disposizione anche in futuro, concordando ovviamente la modalità più idonea a rendere ciò possibile. Noi offriamo, per questo, la massima disponibilità e responsabilità.
In allegato inviamo alcune foto scattate durante i giorni scorsi.

Riportiamo qui di seguito un estratto di un articolo apparso su La Repubblica il 2 giugno scorso:

In diversi stati, gli edifici delle università sono aperti anche di notte, a disposizione degli studenti. In Italia no, ma ci ha pensato l’Evento. La facoltà di Architettura di Ferrara è rimasta aperta di notte, per accogliere chi preferiva dormire fuori casa. Fino a trent’anni fa, quell’edificio di via della Ghiara ospitava un manicomio, grande macchina disciplinare, luogo di costrizione fisica e totale eterodirezione dei tempi. 
[di seguito il link dell'intero articolo:   
http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/2012/06/02/quel-tempo-immobile-che-ha-spezzato-il.html]

Ci sentiamo, infine, di ringraziare chi ha reso possibile tutto questo, il Preside di Facoltà Ferdinando Laudiero, il responsabile di dipartimento Roberto Di Giulio, la manager didattica Simona Malucelli e il personale tecnico amministrativo nella persona di Walter Falappa.

Gli studenti della facoltà di Architettura

 foto di Luca Bellentani.


Tags

NOTIZIE