Utilizzando questo sito si accetta l'uso dei cookies per scopi statistici. Maggiori info su
Banner
Text Size
Banner

Ferrara. Terremoto: controlli antisciacallaggio per le case abbandonate

Continuano costanti i controlli delle Forze dell'ordine rivolte all'emergenza terremoto, per garantire la sicurezza nei luoghi dove le case sono state abbandonate.

 Nella nottata fra venerdì e sabato scorsi, alle tre, quattro individui sono sti notati da una pattuglia del Reparto Prevenzione Crimine “Emilia Romagna” di Bologna impegnata in un servizio antisciacallaggio nelle zone più fortemente colpite.

Si trovavano in un campo agricolo nelle vicinanze di una cascina fra San Carlo e Mirabello. Insieme ad altre autopattuglie chiamate a sostegno, il gruppo è stato bloccato bloccato e gli agenti hanno identificato i suoi componenti: un 16enne e un 30enne residenti a Berra, un 31enne della provincia di Varese e un 26enne copparese.

Dal controllo dei loro nominativi nella Banca Dati delle Forze di Polizia sono emersi, a carico di ognuno di loro, precedenti per reati contro il patrimonio. Gli agenti hanno però constatato che in quel momento non avevano attrezzi atti allo scasso ne quantitativi di denaro o di oggetti preziosi dei quali non sapessero giustificare la provenienza.

Viene inoltre effettuato un esame dei probabili accessi alla casa rurale presso la quale erano stati fermati, esame che non ha evidenziato segni di effrazione.

Pertanto tre di loro sono stati allontanati dalla zona mentre il minore viene affidato al padre che nel frattempo era stato contattato ed era giunto in loco in compagnia di una sua sorella. Quest’ultima B.E., classe ’79 e originaria della Yugoslavia, senza che nulla lo potesse giustificare, appena giunta ha iniziato a prendere a male parole gli operatori inveendo nei loro confronti anche con frasi intimidatorie, gesto che le è costato una denuncia in stato di libertà per minaccia e ingiurie a Pubblico Ufficiale.

 


Tags

NOTIZIE