Utilizzando questo sito si accetta l'uso dei cookies per scopi statistici. Maggiori info su
Banner
Text Size
Banner

Ferrara. Terremoto: aggiornamenti mercoledì 23 maggio ore 08.00

Mercoledì 23 maggio

Mercoledì 23/05/2012 Aggiornamento ore 7.30

Terremoto: tutti i numeri telefonici per segnalare situazioni di necessità
Pubblichiamo i numeri telefonici ai quali i cittadini nei vari comuni colpiti dal sisma possono rivolgersi, per segnalare situazioni di necessità e bisogno, anche per quanto riguarda le condizioni di statica degli edifici.
I recapiti telefonici sono messi a disposizione grazie alla collaborazione della Protezione civile della Provincia.

Ferrara 0532- 771546 / 771585 / 418756 / 418738
Cento 800375515 numero verde
Bondeno 0532- 899600
Mirabello 0532-847384
Vigarano 0532-436926
Sant’Agostino 0532-846610

Martedì 22 Maggio

Martedì 22/05/2012 Aggiornamento ore 19.35

#terremoto Monti stanzia 50 milioni di euro e sospende l'imu ai territori colpiti dal terremoto....e' un inizio (@Marcella Zappaterra)

Martedì 22/05/2012 Aggiornamento ore 00.45

Ieri 21/05/2012 è stata data al sottosegretario Catricala’ la mappatura dei danni ed in previsione della visita del Presidente Monti di oggi ho allertato tutti i parlamentari, le associazioni degli imprenditori, i sindacati, per far sentire la nostra voce e far presente le nostre difficoltà ed in particolare il tema dell’urgenza delle risorse che sarano immediatamente necessaria per affrontare questa crisi.

<<<>>>

Martedì 22/05/2012 Aggiornamento ore 07.45

Unife: SOSPESA L’ATTIVITA’ DIDATTICA. RIPRENDERA’ LUNEDI’ 28 MAGGIO

A distanza di poche ore dalla prima scossa sismica che domenica 20 maggio ha interessato la città di Ferrara e la sua Provincia, l’Ufficio Tecnico del nostro Ateneo ha iniziato le attività di verifica concernenti la statica degli edifici universitari.

Nella mattinata di oggi, lunedì 21 maggio, il personale dell’Ufficio Tecnico è stato affiancato da cinque squadre composte dai colleghi provenienti dai Dipartimenti di Ingegneria ed Architettura che sono stati da me autorizzati ad accedere alle strutture per le necessarie verifiche. A loro va fin d’ora la nostra gratitudine. Le nostre squadre operano in stretta collaborazione con i funzionari della Protezione Civile e, quindi, con l’Unità di coordinamento istituita presso la Prefettura di Ferrara.

Sulla base delle prime ricognizioni emerge che la gran parte degli edifici universitari non ha subito lesioni comportanti danni strutturali. Per alcuni edifici, ed in particolare per quelli più antichi situati in via Savonarola, è stata rilevata una situazione che richiede la messa in sicurezza al fine di consentirne l’agibilità. Non appena verranno acquisite le certificazioni di agibilità, sarà possibile rientrare negli edifici e riprendere in sicurezza le consuete attività. Di ciò verrà data tempestivamente notizia sul sito dell’Ateneo, con l’indicazione delle strutture che via via si renderanno agibili dell’Ateneo.

In considerazione del progressivo e continuo affievolimento del cd “sciame sismico”, pare verosimile prevedere che lunedì 28 maggio potranno riprendere le attività didattiche. Cio’ comunque sarà oggetto di comunicazione da parte dell’Ateneo ed eventuali cause ostative verranno immediatamente rese note.

Esprimo infine il cordoglio mio personale e di tutta la nostra Università per i gravi lutti e le ben più gravi devastazioni che hanno colpito le Comunità a noi vicine.

Pasquale Nappi
Rettore

Martedì 22/05/2012 Aggiornamento ore 15.25

Silvia Baraldi via Facebook
Dopo aver compiuto i sopralluoghi negli istituti superiori di secondo grado, per verificare eventuali danneggiamenti alle strutture causati dal terremoto che ha colpito il Ferrarese nelle prime ore di domenica 20 maggio scorsa, la Provincia è in grado di diffondere un elenco di scuole agibili.
Da domani, mercoledì 23 maggio, infatti, saranno aperte le seguenti sedi di scuola secondaria superiore di secondo grado:

istituto tecnico Aleotti (via Ravera),

iti Carpeggiani-Copernico (via Pacinotti),

Dosso Dossi (via de Romei),

istituto Vergani (via Cisterna del Follo)

istituto Navarra di Malborghetto, tutti all’interno del perimetro della città di Ferrara.
A Cento, invece, potranno riaprire

l’Isit (via Rigone),

liceo Cevolani (via Matteotti)

la succursale (via Rigone), .

L’elenco delle scuole superiori di secondo grado che potranno riprendere il regolare svolgimento delle lezioni prosegue con

il polo scolastico di Bondeno (via Manzoni),

il liceo Cevolani Guercino a Cento (Corso Guercino),

le sedi ferraresi scuola Varano istituto alberghiero (via Ghiara),

l’istituto scolastico di via Roversella, il Dosso Dossi (via Bersaglieri del Po),

l’istituto Vergani (via Sogari),

il liceo Ariosto (via Arianuova) con relativa succursale Ginevra Canonici (via Dosso Dossi),

il liceo Roiti (via Leopardi)

l’istituto Bachelet (via Bovelli), mentre a Cento riapre l’istituto fratelli Taddia (via Baruffaldi).

Entro le 16 sarà possibile fornire una descrizione maggiormente definitiva della situazione sedi scolastiche di competenza dell’amministrazione provinciale.

<<<>>>

Martedì 22/05/2012 Aggiornamento ore 16.10

Provincia di Ferrara COMUNICATO STAMPA
Da mercoledì 23 maggio tutte le scuole secondarie di secondo grado aperte tranne Cento e Bondeno

Tutte le scuole secondarie di secondo grado della provincia di Ferrara da domani, mercoledì 23 maggio, riprenderanno regolarmente le lezioni, salvo nei comuni di Cento e Bondeno per i quali vanno verificate le ordinanze dei sindaci, anche se le strutture sono comunque pienamente agibili e sicure.
La decisione è stata presa dall’amministrazione provinciale una volta ultimati i sopralluoghi e le valutazioni tecniche in tutti gli edifici scolastici di competenza.
La chiusura di lunedì 21 e martedì 22 maggio delle scuole secondarie di secondo grado si è resa necessaria per un controllo sulle condizioni di sicurezza degli edifici, in seguito alla scossa di terremoto che ha colpito il Ferrarese durante le prime ore di domenica 20 maggio scorso.

 

 LUNEDI' 21 MAGGIO 

Lunedì 21/05/2012 Aggiornamento ore 10.00

Notte tranquilla nelle zone del terremoto anche se c’e’ stata un’altra scossa alle 3. Alle 10.30 altro vertice con il Presidente della Regione Errani, vi terrò informati.

Lunedì 21/05/2012 Aggiornamento ore 11.05

Appena terminato il vertice con tutte le forze interessate, abbiamo stilato un elenco degli interventi prioritari, dal miglioramento delle condizioni per gli sfollati all’assistenza di chi è in difficoltà partendo dai comuni maggiormente colpiti:

- inizieremo immediatamente con 9 squadre (composta da Vigili del Fuoco, tecnici dell’ordine degli Ingegneri che si sono resi disponibili, tecnici della Protezione Civile, etc) alla determinazione del livello di gravità e alla quantificazione dai danni degli edifici Pubblici e Monumenti e delle strutture Private;

- attraverso il Presidente Errani e coinvolgendo altri Parlamentari faremo richiesta di rimpinguare i fondi per intervenire sulle Calamità Naturali, puntando anche sul fatto che il Decreto di Riforma della Protezione Civile appena approvato prevede un regime transitorio di 90 giorni ed allo stesso tempo chiederemo di allentare il vincolo del Patto di Stabilità per avere un maggior spazio di manovra per i primi interventi;

-  Stiamo preparando un pacchetto di sostegno alle attività produttive e alle imprese per permettere la ripresa delle attività degli uffici pubblici e privati e delle aziende e dopo aver mappato la situazione dell’intero territorio  provvederemo a chiedere la Cassa Integrazione e agevolazioni fiscali e di tassazione per le imprese in difficoltà, tenendo conto delle varie situazioni.

Lunedì 21/05/2012 Aggiornamento ore 12.10

Acer Ferrara (AZIENDA CASA EMILIA-ROMAGNA) ritiene opportuno informare che , gia’ dalla giornata di ieri , sono in corso sopralluoghi da parte dei propri tecnici per verificare eventuali situazioni di pericolo in alloggi e fabbricati di edilizia residenziale pubblica, in propria gestione , e situati nei Comuni in indirizzo.
E’ inoltre attivo un servizio di ricevimento delle segnalazioni da parte degli assegnatari , che saranno prontamente verificate dagli stessi tecnici.
Al momento e’ emersa l’esigenza di reperire una soluzione abitativa per 8 nuclei famigliari e sono in corso le iniziative per procurare loro un alloggio.
Per qualsiasi esigenza o chiarimento , i nostri contatti sono i seguenti:
-Direttore Dott.Carrara :335/7171159
-Dirigente Tecnico Ing.Cazzola :348/5443864
-Geom.Di Salvatore:335/402372
-Responsabile Ufficio Clienti Dott.ssa Molossi :349/5758067.

Comune di Ferrara:

Dalle 14 alle 20 di oggi saranno operativi altri due numeri di telefono, lo 0532-418756 e 418738 (da domani l'orario operativo sarà 8-20) oltre a quelli attualmente disponibili per effettuare le segnalazioni da parte dei cittadini relativamente a edifici lesionati, stati di pericolo o richieste di accoglienza e altre esigenze connesse all'evento sismico. 
Attualmente sono impegnate sette squadre di tecnici che stanno verificando la staticità di infrastrutture e edifici pubblici sparsi nel territorio comunale: quattro squadre si stanno occupano di strutture come scuole e uffici nelle quattro Circoscrizioni, una sta verificando gli edifici del patrimonio culturale e storico, una gli altri edifici di proprietà dell'Amministrazione, infine una le infrastrutture (ponti, strade, sottopassi, ecc.). A metà pomeriggio verrà fatto il punto della situazione fra l'assessore ai Lavori Pubblici Aldo Modonesi e i tecnici delle diverse quadre per valutare interventi e decidere tempi e modalità delle riaperture. 

 Lunedì 21/05/2012 Aggiornamento ore 17.45

CARIFE E FONDAZIONE INTERVENGONO PER AIUTARE LE FAMIGLIE E LE IMPRESE COLPITE DAL TERREMOTO

Ferrara, 21 maggio 2012 – La Cassa di Risparmio di Ferrara, insieme alla Fondazione Carife e in coordinamento con le principali Istituzioni locali, ha aperto un conto corrente di solidarietà per raccogliere fondi per le zone colpite dal terremoto nella provincia estense e in quella modenese. “Desideriamo offrire la nostra vicinanza e un supporto concreto alle popolazioni colpite dal sisma – dicono i Presidenti Lenzi e Puglioli – e per questo abbiamo deciso di attivare un conto corrente di solidarietà sul quale si potranno versare somme (senza spese aggiuntive) che saranno interamente devolute a supporto delle zone del terremoto. Anche Cassa e Fondazione sono pronte a versare un contributo, il cui importo sarà definito nei rispettivi Consigli d’Amministrazione dei prossimi giorni” Il Conto corrente sul quale è possibile fin da subito effettuare versamenti è attivo presso la Sede di Ferrara intestato: “CARIFE AIUTI TERREMOTO” IBAN IT 98U 06155 13000 000 000 037 519. Indicando la causale “Terremoto Emilia 2012”.Carife mette inoltre a disposizione un primo plafond da 50 milioni di euro per i privati e le imprese che hanno subito danni dal sisma. Tale somma sarà utilizzata per diverse iniziative:

  • concedere una moratoria fino a 12 mesi, alle medesime condizioni in essere, delle rate dei mutui su immobili danneggiati.
  • accordare affidamenti sia alle famiglie che alle imprese – con durata di 12 mesi e istruttorie particolarmente semplificate – per garantire l’erogazione in tempi brevissimi delle somme necessarie ad affrontare gli interventi più urgenti; a fronte di una documentazione di spesa definitiva, sarà possibile trasformare queste linee in prestiti con scadenze oltre i 18 mesi.

Carife mette, inoltre, a disposizione dei propri clienti mutui dedicati alla ristrutturazione degli immobili a condizioni di particolare favore. A breve sul sito internet www.carife.itsaranno pubblicate le modalità per accedere al fondo, con la possibilita’ di richiedere ulteriori informazioni nelle filiali cittadine e delle zone maggiormente interessate dalla calamità. La Banca rende noto che per motivi precauzionali e di sicurezza, in attesa di accertare l’agibilità, sono chiuse al pubblico le filiali Carife di Mirabello e Poggiorenatico, e le filiali di Banca Modenese di Finale Emilia e Mirandola. I clienti di queste filiali possono far riferimento e operare rispettivamente con le filiali di Vigarano Mainarda e Agenzia 10 di Carife, Modena e Medolla di Banca Modenese.

 

Domenica 20 Maggio

 

 Domenica 20 maggio Aggiornamento ore 10.15:

In ogni Comune è stato allestito un punto informativo al quale ci si può rivolgere per le emergenze ed informazioni. A Sant’Agostino ne sono stati allestiti 3, fate riferimento ai numeri dei rispettivi Comuni che potete trovare sui siti ufficiali http://www.provincia.fe.it/comuni

Aggiornamento ore 10.45:

La Strada Provinciale 9 in zona Casumaro chiusa per danni subiti dalla Chiesa che insiste sulla Strada.

Aggiornamento ore 10.51:

E’ confermata la chiusura anche dalla Strada Provinciale 69 Virgiliana.

Aggiornamento ore 11.00:

Domani 21/05/2012 Scuole chiuse a Ferrara e nei Comuni dell’Alto Ferrarese.

Aggiornamento ore 11.15:

Sempre a Ferrara e nei Comuni dell’Alto Ferrarese domani 21/05/2012 chiusi tutti i Musei e gli edifici Storici 

Sono saliti a 5 i morti nel ferrarese. 

Aggiornamento ore 11.55:

- La Strada Provinciale 69 Virgiliana è stata riaperta.

- Anche le Università domani 21/05/2012 saranno chiuse

- Il Presidente della Regione Emilia Romagna Errani chiederà lo Stato di Emergenza perché vada in Consiglio dei Ministri Martedì.

Aggiornamento ore 12.15

Per quanto riguarda il territorio comunale di Ferrara, sono già utilizzabili da parte dei cittadini residenti due numeri di telefono, 0532-771546 e 771585 (Protezione Civile - sede Comune di Ferrara, via Marconi 35/39) per segnalare sia emergenze e necessità abitative nonché sia danni agli edifici o situazioni di pericolo degli stessi.

Scuole di ogni ordine e grado, biblioteche e musei RIMARRANNO CHIUSI DOMANI LUNEDI' 21 MAGGIO e fino alle verifiche strutturali dei singoli edifici da parte di tecnici comunali e della Protezione Civile così come SONO SOSPESE tutte le manifestazioni di pubblico spettacolo (culturali e sportive, cinema e teatro). 

Aggiornamento ore 16.20:

Unife: Provvedimenti in merito all’evento sismico di oggi

Al fine di garantire la sicurezza di tutti gli utenti dell’Università di Ferrara, si comunica che l’Ufficio Tecnico dell’Ateneo sta compiendo tutte le opportune verifiche presso le strutture, a seguito dell’evento sismico di oggi.

Fino a quando tali verifiche non saranno concluse, e’ fatto divieto a tutti: personale docente, tecnico amministrativo e studenti, di accedere alle strutture d’Ateneo, se non specificamente autorizzati.

I responsabili delle strutture che richiedono la presenza giornaliera di personale sono invitate a contattare l’Ufficio Tecnico dell’Universita’, tel. 0532 293187 – 293373 (per urgenze, 3281507044).

L’esito delle verifiche verra’ costantemente pubblicato sul sito dell’Ateneo.

Pasquale Nappi Rettore

Fonte: http://www.unife.it/comunicazione/news-folder/notizie/provvedimento-in-merito-al-terremoto-di-oggi 

Aggiornamento ore 18.10

Sandro Pelati via Facebook dal Comune di Copparo

Avviso importante!!!! domani scuole di ogni ordine e grado del comune di Copparo chiuse! considerata l’alta probabilità di nuove scosse di assestamento e il perdurare dello stato di emergenza, cosí come suggerito dalla protezione civile, tutti i plessi scolastici resteranno chiusi per la giornata di domani, per approfondire le verifiche statiche degli edifici nella speranza che durante la notte la situazione si stabilizzi. 

Il Prefetto di Ferrara dispone la chiusura, in via precauzionale, di tutti gli uffici pubblici esistenti nei Comuni di Bondeno, Cento, Ferrara, Mirabello, Poggio Renatico, Sant’Agostino, Vigarano Mainarda per l’intera giornata di lunedì 21 maggio 2012, fatta eccezione per i servizi pubblici essenziali, quelli di reperibilità nonché quelli organizzati per la gestione delle emergenze.

Aggiornamento ore 18.35

 

Alle ore 18.30  la situazione risulta la seguente: morti accertati n. 5; circa 100 persone sono state trattate presso il Pronto Soccorso dei nosocomi di Ferrara, Cento e Bondeno, mentre altre 32 persone sono state assistite dal Servizio 118. 

Per quanto concerne le persone ospitate presso le strutture comunali, nelle more della verifica di agibilità delle proprie abitazioni, si segnalano i seguenti dati: Comune di Ferrara, circa 100 persone;Ccomune di Cento, circa 200, Comune di Bondeno circa 200; Comune di Mirabello circa 150; Comune di Vigarano Mainarda circa 85; Comune di Sant’Agostino circa 100 (da alloggiare  presso strutture ricettive site nel Comune di Ferrara); Comune di Poggio Renatico circa 60.

In merito all’erogazione dei servizi di somministrazione gas e acqua, risultano particolari problematicità nelle frazioni di Scortichino di Bondeno e San Carlo di Sant’Agostino, ove circa 800 contatori risultano, al momento, chiusi in via precauzionale. Le predette utenze saranno ripristinate, a partire dalla giornata di domani, previa verifica congiunta effettuata dai tecnici delle aziende erogatrici, accompagnati da personale dei Comuni interessati e della Protezione Civile.

Sono da segnalare diverse interruzioni di strade provinciali per le quali è allo studio l’individuazione di percorsi alternativi.

Al fine di poter procedere più agevolmente alle verifiche strutturali è stata disposta in via precauzionale la chiusura, nei citati Comuni, di scuole, università e uffici pubblici nell’intera giornata di lunedì 21 maggio 2012.

Le operazioni di voto relative al turno di ballottaggio nel Comune di Comacchio si stanno svolgendo regolarmente. 

 

 Violenta scossa di terremoto in Emilia Romagna ha provocato un morto, danni e terrore.

E' stata registrata alle ore 4:04 con epicentro 36km a nord di Bologna, tra le provincie di Modena e Bologna, a 10,1 km di profondita. La scossa e' stata avvertita in tutto il nord e parte del centro come ad Arezzo, a Milano e a Firenze, come a Ferrara, la gente e' scesa in strada per la paura. Un vecchio fienile e parte del tetto di una chiesa sono crollati in Veneto, a Ficarolo in provincia di Rovigo. Nel padovano sono state segnalate cadute di pezzi di cornicioni e di intonaci, senza conseguenze per le persone, a Finale Emilia e' crollata una torre del '300, a San Felice sul Panaro e' crollata una chiesa e a S. Agostino un campanile. A Mirandola sono stati evaquati i malati gravi dall'ospedale. Nel ferrarese, a Bondeno, si registra il crollo di alcuni capannoni, ed e' proprio qui, come ha dichiarato il responsabile della protezione civile dell'Emilia Romagna, Demetrio Egidi, che si e' registrata la vittima, un uomo che si trovava in un capannone crollato nella zona industriale del paese, vicino a Stellata.  

Altre due persone sono morte a San'Agostino sotto le macerie di una fabbrica di ceramica (erano operai che stavano finendo il turno di notte). A Sant'Agostino è anche crollato un campanile.

Un operaio che lavorava alla Tecopress, fonderia a ciclo continuo di Dosso, frazione di Sant’Agostino, risultava disperso nel crollo del tetto della fabbrica causato dal terremoto: il corpo è stato individuato dai soccorritori. La Prefettura di Ferrara aveva già fatto sapere che non c'erano speranze. Sul posto carabinieri e vigili del fuoco, che stanno rimuovendo le macerie nella speranza di ritrovarlo ancora vivo.

Sempre in provincia di Ferrara una ultracentenaria sarebbe morta a Sant'Agostino, a causa di un malore provocato dalla paura.

Non sono invece registrati danni in centro a Bologna città così come comunicato su Facebookdall'assessore Colombo. Danni sono invece segnalati in  provincia. A Crevalcore è crollata la cuspide del campanile (FOTO). A San Pietro in Casale una donna di 37 anni è morta per un malore dovuto allo spavento.

Si tratta di una donna tedesca Gabi Ehsemann, che a quanto si e' appreso si trovava in Italia per motivi di lavoro. Ad avvisare il 118 verso le 4.40 e' stato un uomo che la ospitava e che l'ha soccorsa: dopo la scossa la straniera era a letto, molto agitata e aveva problemi a respirare, poi ha perso conoscenza. Sono stati allertati i carabinieri della Compagnia di San Giovanni in Persiceto. 

In  Lombardia si sono verificati danni anche nel Mantovano. 

 
Una forte replica, alle ore 5:03 di magnitudo 4,9 a nord della provincia di Modena, circa la stezza zona del precedente.



NOTIZIE