Utilizzando questo sito si accetta l'uso dei cookies per scopi statistici. Maggiori info su
Text Size
Banner
Banner

Ferrara. Unife: Giurispridenza inaugura un nuovo corso: “Diritti umani e diritto umanitario nei conflitti armati”

  Si è inaugurato il 07 maggio alle 11,30, nell’Aula Magna del Dipartimento di Giurisprudenza, il corso “Diritti umani e diritto umanitario nei conflitti armati” organizzato in convenzione tra il Coa, Comando Operazioni Aeree di Poggio Renatico e l’Universita’ di Ferrara con la collaborazione di Amnesty International e col contributo di Copma s.c.r.l..

Alla cerimonia hanno partecipato, alla presenza di numerose autorità e di un folto pubblico, tra gli altri, il Rettore Prof. Pasquale Nappi e il Generale di Divisione Aerea Mirko Zuliani , nuovo Comandante del COA.

 


Il corso  è attivato nell’ambito della Laurea Magistrale a ciclo unico in Giurisprudenza ed ha  come obiettivo di  formare il personale sulle possibili implicazioni giuridiche internazionali che scaturiscono da un conflitto armato. Le lezioni approfondiranno temi giuridicamente rilevanti anche per tutti gli operatori umanitari chiamati ad agire in
situazioni di conflitto armato, attraverso una panoramica degli strumenti approntati dal diritto internazionale e del ruolo dei vari attori, anche non-governativi, per il rispetto degli obblighi
derivanti dal diritto umanitario.
Aperto a tutti gli studenti universitari, al personale militare e
civile del Ministero della Difesa in convenzione COA, il corso prevede due settimane consecutive di lezioni che a vranno natura seminariale e che  si terranno  sia presso il Dipartimento di Scienze Giuridiche sia
presso il Comando Operazioni Aeree di Poggio Renatico.
L’iniziativa  testimonia e rafforza il rapporto tra le due
istituzioni, che si fonda sulla reciproca e costruttiva
collaborazione, in realtà già avviata da diversi anni. Le lezioni
vedranno alternarsi quali docenti anche eminenti studiosi esterni di
livello internazionale oltre ad esperti militari dell’Aeronautica
Militare.


Tutto ciò conferma come la collaborazione didattica tra le due
istituzioni abbia determinato un concreto interesse per la materia,
associato ad una formula didattica teorico-pratica particolarmente
apprezzata.

 


Tags

NOTIZIE