Utilizzando questo sito si accetta l'uso dei cookies per scopi statistici. Maggiori info su
Banner
Text Size
Banner

Ferrara Ferrara nel Risorgimento, mostra storico documentaria 17 mar./30 apr.

 Ferrara 17 mar / 30 apr. Mostra storico documentaria "Ferrara nel Risorgimento 

PALAZZO MUNICIPALE - Cerimonia inaugurale mercoledì 16 marzo alle 17
"Ferrara nel Risorgimento", una mostra per ripercorrere la nostra storia

Com’era la nostra città nell’Ottocento, com’erano i costumi, la società, la cultura, l’economia, i suoi giornali e quale è stato l’apporto dei nostri concittadini dell’epoca al processo di unificazione italiana? A queste e ad altre domande prova a rispondere la mostra documentaria e storico postale “Ferrara nel Risorgimento” che aprirà da mercoledì 16 marzo al 30 aprile nel salone d’Onore della residenza municipale nell’ambito delle iniziative per la celebrazione dei 150 anni dell’Unità d’Italia. L’allestimento sarà inaugurato mercoledì 16 marzo alle 17. 
L’organizzazione è stata del Circolo culturale filatelico numismatico ferrarese in collaborazione con l’assessorato alla Cultura del Comune di Ferrara attraverso il Museo del Risorgimento e della Resistenza. Curatrice della mostra è stata Silvia Villani che, insieme al presidente dell’associazione filatelica Alessandro Fabbri, ha anche coordinato l’interessante catalogo che ne è scaturito. 
“In occasione dell’anniversario dell’Unità d’Italia come Amministrazione non abbiamo voluto costruire celebrazioni ma occasioni di approfondimento.– ha ricordato questa mattina il vicesindaco Massimo Maisto durante la presentazione della mostra – Una vera e propria scelta politica con l’intento di lasciare una traccia e una testimonianza ai giovani o a chi magari vorrà ulteriormente approfondire questi temi. In un momento in cui nel nostro Paese vige il disprezzo per la cultura, noi abbiamo lanciato un appello importante, sicuramente raccolto dalla città, in cui si afferma che ‘la cultura è di tutti’. Il merito, per questa e per le altre iniziative, va sicuramente riconosciuto alle molte associazioni, volontari e istituzioni che hanno collaborato per costruire un programma davvero ricco di attività e di opportunità didattiche da condividere con scuole, associazioni, musei.”
“Abbiamo voluto in particolare far conoscere come sia stato il Risorgimento a Ferrara - ha confermato Alessandro Fabbri - e valorizzare protagonisti e personaggi ferraresi che per l’unità d’Italia hanno talora sacrificato la loro vita. Per questo ci siamo avvalsi (allestendo poi a costi davvero modesti) del contributo prezioso di tanti appassionati e collezionisti privati che in questi anni all'interno delle loro case hanno conservato lettere, documenti a stampa, manifesti, cimeli, diplomi e medaglie dell'epoca risorgimentale, in gran parte mai esposti in precedenza”.
“Il percorso espositivo è realizzato tramite 52 pannelli delle dimensioni di cm 70 x 50, mentre documenti e i cimeli saranno esposti in teche e quadri – ha ricordato la curatrice della mostra Silvia Villani che ha strettamente collaborato con Delfina Tromboni del Museo comunale del Risorgimento e della Resistenza – Pur non avendo un intento esaustivo, la mostra si propone di essere un ‘mosaico’ dove la storia locale s’intreccia con quella nazionale. Spesso il Risorgimento viene considerato come un 'altrove' rispetto al nostro mondo, dimenticando che invece Ferrara, posta al confine con il Lombardo Veneto, si è trovata in prima linea nelle guerre d’Indipendenza e quindi inevitabilmente coinvolta, e con lei tanti suoi uomini, nei processi che sono stati all’origine della nascita della nostra realtà nazionale”.
Nel catalogo, insieme alla riproduzione dei pannelli e di molti documenti, trovano posto anche tre saggi sul Risorgimento a Ferrara (Luigi Davide Mantovani), sulla Storia postale del ferrarese nel periodo Risorgimentale (Alessandro Fabbri) e sulle Franchigie militari nel ferrarese nel periodo Risorgimentale (Roberto Zaramella).
Nei giorni di apertura verranno posti in uso, a cura delle Poste Italiane, due annulli speciali celebrativi: il primo riferito ai tre martiri Succi-Parmeggiani-Malagutti mercoledì 16 marzo (negli orari 10/12 e 15/18) e il secondo a Ferrara giovedì 17 marzo (9.30/12 e 15/17).
Sono state predisposte anche due cartoline ricordo, una celebrativa di Succi, Malagutti e Parmeggiani e l’altra riferita direttamente alla mostra.
Accanto a queste è stata curata la ristampa di un gruppo di dieci cartoline costituenti un mosaico celebrativo del Risorgimento, già pubblicate nel 1911 in occasione delle manifestazioni per il cinquantenario dell’Unità d’Italia.
E’ stata infine predisposta una medaglia ricordo, tirata in 100 esemplari, riproducente i ritratti dei quattro personaggi principali del Risorgimento Mazzini, Cavour, Garibaldi e Vittorio Emanuele II e la coccarda tricolore con la scritta: Ferrara per i 150 anni.

 


Tags

Arte Cultura e Spettacolo