Utilizzando questo sito si accetta l'uso dei cookies per scopi statistici. Maggiori info su
Banner
Text Size
Banner

Ferrara Poggio Renatico. Funerali di Ubaldo Gardini, cittadini benemerito di Poggio Renatico

 FUNERALE DI UBALDO GARDINI, CITTADINO BENEMERITO DI POGGIO RENATICO

Si sono tenute sabato mattina nella chiesa abbaziale di San Michele le esequie di Ubaldo Gardini. Il Comune di Poggio Renatico vi ha partecipato con il proprio gonfalone: il maestro di canto lirico è stato il primo ad essere riconosciuto dalla municipalità cittadino benemerito. Una onorificenza che è stata ufficializzata qualche giorno fa, all’unanimità, dal Consiglio Comunale e che il maestro dei grandi della lirica non ha potuto ricevere: è scomparso solo pochi giorni prima. La ritireranno, purtroppo postuma, i familiari.

Al funerale hanno presenziato il sindaco Paolo Pavani e la giunta comunale, l’onorevole Dario Franceschini, parente per parte di madre, il comandante della stazione Carabinieri, maresciallo Generoso Martino, oltre al gran numero di amici e allievi provenienti da tutto il mondo. L’abate parroco don Simone Zanardi ha celebrato la messa, che è stata scandita dall’Ave Maria di Schubert, dall’Ave Maria di Franck e dall’Agnus Dei di Verdi eseguite dal soprano Guri Tanaka e dal mezzo soprano Akemi Sakamoto.

Il primo cittadino ha portato le condoglianze dell’amministrazione comunale e di tutta la comunità alla moglie Reiko Sakuma, giornalista giapponese che ha collaborato anche con la BBC, ai tre figli, al fratello Luigi e i parenti che gli si erano stretti attorno in quest’ultima parte di una vita ricca di soddisfazioni e successi, che aveva scelto di trascorrere nel suo paese.

«Non posso che esprimere il cordoglio per la perdita di questo nostro grande concittadino, che si è distinto e ha dato lustro al nostro territorio – ha affermato Pavani -. Rimane il rammarico di non aver potuto consegnare nelle sue mani l’onorificenza che ne riconosce gli straordinari meriti».  «Penso che ad Ubaldo – gli ha fatto eco l’onorevole Franceschini - vada restituito il riconoscimento del ruolo straordinario che ha avuto nel mondo».


NOTIZIE