Utilizzando questo sito si accetta l'uso dei cookies per scopi statistici. Maggiori info su
Banner
Text Size
Banner

Ferrara Chiuso il cerchio sull'omicidio a Porto Garibaldi

Vedi anche il nostro servizio sull'arresto dei primi indiziati: clicca qui

 Chiuso il cerchio delle indagini  sull’omicidio di Guidi Rina: i Carabinieri hanno identificato ed arrestato il complice della coppia.

Sabato 12 novembre 2011 a Genova e’ stato individuato e sottoposto a fermo per indiziato in delitto, emesso dal Pubblico Ministero, Milazzo Luigi, 21enne, nato a Genova, per i reati di omicidio e rapina aggravata in concorso con il padre Filippo e la convivente di quest’ultimo, Stefania Guidi Colombi, gia’ sottoposti a fermo del P.M. nei giorni scorsi per i medesimi reati.

Il fermo, disposto dal sostituto Procuratore della Repubblica presso il tribunale di Ferrara – d.ssa Barbara Cavallo, titolare del procedimento, è scattato a seguito degli approfonditi risultati investigativi dei Carabinieri di Ferrara e Comacchio, in stretta collaborazione con i colleghi del RIS  di Parma.

Luigi Milazzo, senza fissa dimora, avrebbe fattivamente partecipato, insieme alla coppia, lo scorso mese di settembre,  alla rapina in danno della 77enne Rina Guidi.

Gli inquirenti anche dopo l’arresto della coppia hanno continuato, in maniera serrata, appostamenti e pedinamenti con l’ausilio di apposite dotazioni tecniche, riuscendo cosi’ a concentrare l’attenzione sul soggetto, localizzandolo ed assicurandolo alla giustizia.

Le indagini tecniche del RIS di Parma ne hanno puntualmente e precisamente dimostrato la presenza e la partecipazione.

Lo scoso mese di settembre, infatti, i tre complici erano insieme a Comacchio  e a Codigoro  quando fu perpetrata la rapina.

Il Reparto Investigazioni Scientifiche di Parma ha certificato la contemporanea presenza dei tre sulla scena del crimine, che hanno agito insieme anche quando hanno venduto i preziosi rapinati nell’abitazione della vittima,  ad un negozio di compravendita di oro di Codigoro.

Alle operazioni di fermo, oltre ai reparti dell’arma estense, hanno fattivamente partecipato i Carabinieri del Comando Provinciale di Genova. 


Tags

NOTIZIE