Utilizzando questo sito si accetta l'uso dei cookies per scopi statistici. Maggiori info su
Text Size
Banner
Banner

Ferrara Incastrati da una bolletta, tre arresti e 5 kg di stupefacenti sequestrati

 

 

 

 

Ferrara Incastrati da una bolletta, tre arresti e 5 kg di stupefacenti sequestrati

 TRE ARRESTI E OLTRE 5 KG. DI STUPEFACENTI SEQUESTRATI:

“INCASTRATI” DA UNA BOLLETTA. 

Nella serata del 18 ottobre 2011, a Ferrara, i militari del nucleo operativo e radiomobile della compagnia Carabinieri di Ferrara, nel corso di un servizio finalizzatto alla prevenzione e repressione dello spaccio di stupefacenti, e a seguito di ripetuti servizi di osservazione e pedinamento, procedevano al controllo, nei presso del centro commerciale “Diamante”, di due individui sospetti.

Uno di loro G. L., ferrarese del 1976, ivi residente, operaio, pregiudicato, era in realta’ gia’ noto e proprio lui era l’oggetto del servizio. L’altro con cui si accompagnava, B. H., nato in Albania nel 1967, invece, era sconosciuto e, in effetti, non gravato da precedenti.

I due avevano appena concluso una “transazione” con una terza persona, trovata in possesso di modica quantita’. Scattava dunque l’immediata perquisizione, personale e veicolare (una VW Polo e una Opel Corsa):

Sull’italiano veniva rinvenuto un involucro di grammi 28 circa di stupefacente tipo cocaina, mentre sull’albanese un involucro di grammi 11,50 dello stesso stupefacente nonche’ la somma contante di euro 3.130 ritenuta provento dell’illecita attivita’ di spaccio.

Attesa l’iniziale positivita’ del controllo, l’operazione proseguiva con la perquisizione presso l’abitazione del G.L., dove veniva rinvenuta una busta di cellophane con altri 370 gr. circa di marijuana, un bilancino di precisione e materiale vario per il confezionamento.

Si imponeva analoga procedura anche con l’albanese, di cui pero’ non si conosceva l’indirizzo. Tuttavia in suo possesso veniva trovata una bolletta dell’Enel su cui era riportato un indirizzo sotto il nome di altra straniera (risultata estranea ai fatti) che portava ad un appartamento di Bologna, in via Emilia Ponente, e un mazzo di chiavi. i militari dunque partivano subito alla volta di quell’indirizzo per “provare” le chiavi: andando bene quelle, sarebbero stati sicuri dell’effettivo domicilio dell’albanese.

Giunti sul posto, dopo una breve osservazione dell’obiettivo, i militari notavano un soggetto che apriva la porta con altre chiavi in suo possesso.

Si risolvevano dunque ad entrare: verificata la corrispondenza del mazzo di chiavi, unitamente ad equipaggio del nucleo radiomobile di Bologna, identificavano la persona in B. J., anche lui albanese del 1975, residente a Bologna, operaio, con precednti. Scattava dunque la perquisizione locale, ampiamente positiva poiche’ consentiva di rinvenire:

nr. 5 panetti di  stupefacente del tipo eroina del peso complessivo di kg 2,42;

nr. 24 sacchetti di stupefacente del tipo cocaina del peso complessivo di kg 2,52;

nr. 10 pezzi di pasta di coca del peso complessivo di grammi 74,17;

nr. 1 sacchetto di stupefacente mix di eroina/cocaina del peso complessivo di grammi 73,72;

nr. 3 bilancini di precisione;

materiale vario per il confezionamento;

la somma contante di euro 5.550 quale provento dell’attivita’ illecita.

A conclusione degli accertamenti, i tre venivano tratti in arresto per detenzione ai fini si spaccio in concorso ed associati i primi due presso la casa circondariale di Ferrara, mentre il terzo presso quella di Bologna a disposizione delle AA.GG. di Ferrara e Bologna. lo stupefacente, i bilancini, il materiale di confezionalento, il denaro in contante, e le due autovetture sono state poste in sequestro. 


Tags

NOTIZIE