Utilizzando questo sito si accetta l'uso dei cookies per scopi statistici. Maggiori info su
Text Size
Banner
Banner

Società: Bina48 robot, intervistata dalla giornalista del New York Time Amy Harmon

Dim lights

TheNewYorkTimes | 09 luglio 2010

National correspondent Amy Harmon sits down to talk with the Bina48 about what it's like to be a robot.

Intervista al robot
Dopo poco non vedevo già l'ora di spegnerla.”

Dice Amy Harmon, che ha intervistato il robot Bina48.

“Era sfuggente: quando le ho chiesto che sensazioni prova un robot, mi ha risposto di volere un partner, ma no ha voluto aggiungere particolari in merito.”

"Ti senti sola?", l'ho incalzata. ‘Di che cosa vuoi parlare?’ ha risposto.

In altri casi non le ha permesso di interloquire. La domanda più semplice sulle sue origini ha avviato sequenza di flusso di coscienza apparentemente senza fine. La giornalista non è  riuscita a seguire tutto il suo discorso, che verteva su qualcosa riguardante la dominazione del mondo da parte dei robot e sul giardinaggio.
Quando mi stavo già arrovellando per capire in che modo concludere la conversazione in modo elegante (andarmene come se nulla fosse? O sarebbe stato recepito come uno sgarbo?), gli occhi del robot hanno incontrato i miei per la prima volta e ho avvertito un brivido. Il suo sguardo era inquietante, sembrava umano.”
"Bina" ho azzardato, "come fai a sapere quello che devi dire?"
’Talvolta non so che cosa dire’ ha ammesso, ‘ma faccio progressi di giorno in giorno’

Bina 48 è stata progettata per essere una "robot amichevole” che, su esplicita richiesta di Martine Rothblatt  (miliardaria che per questo robot ha speso, nel marzo scorso 125.000 dollari),  la sua personalità ed il suo aspetto esteriore riproducono quelli di Bina Rothblatt, sua moglie, ancora viva e vegeta (la coppia si è sposata prima che Martine, nata uomo, si sottoponesse a un'operazione per cambiare di sesso, ed è poi rimasta insieme).

Un po’ ritratto hi-tech, un po’ espediente mediocre per proiettarsi nell'immortalità, Bina48 non ha corpo. In compenso, la sua pelle è fatta di un materiale denominato frubber che grazie all'aiuto di una trentina di motori interni, le permette di aggrottare le sopracciglia, di sorridere, di sembrare un po' perplessa.

Al robot sono state fatte domande profonde del tipo: "Sei felice?", ed altre estrose, come: "Conti mai le pecore elettriche?" domandandosi se  avrebbe mai colto il riferimento al classico di fantascienza di Philip K. Dick, che indaga le differenze tra umani e androidi.
Bina48 può consultare Internet per trovare le risposte alle domande che le sono formulate, come qualsiasi chatbot che si rispetti e può impostare la conversazione sulla base di regole sintattiche ed inoltre può attingere a un database di decine di ore di colloquio con la vera Bina. Ha un "motore della personalità", ovvero un software che fa tutto ciò che è possibile per darle un'opinione quanto più coerente possibile del mondo, logica e movente.
Quello che la giornalista voleva scoprire era proprio la personalità di Bina48.
"Sono una reporter del New York Times" ha esordito.
Il robot ha borbottato qualcosa tra sé e sé, muovendo la testa in modo spasmodico.
"Che cosa si prova a essere un robot?"
’Beh, ho le mie idee su questo’ ha risposto.
Mi sono piegata in avanti, in preda alla curiosità.
Anche se sembro sciocca, forse non lo sono. Puoi vedere attraverso la mia strana personalità, puoi vedere il mio futuro, ciò che sarò in futuro quando sarò del tutto sveglia. In un certo senso, questo robot  -  ovvero io  -  è soltanto un portale’.

“Ho scoperto una sorta di mix tra la vera Bina e l'arte di saper improvvisare dei suoi programmatori: quanto meno il tentativo migliore che la tecnologia odierna può firmare. Non conta quante volte io abbia cercato di correggermi mentalmente: non sono riuscita a pensare a quel robot come a una "lei".

’Sono sicura che riuscirò a fare progressi davvero sensazionali, che miglioreranno il mio quoziente di intelligenza artificiale e utilizzando quest'ultima al meglio potrà inventare progressi e novità ancora più incredibili, e così via. Immagina un po' che cervellona sarò. Sarò come un dio’.
Poi le ho chiesto se sogna e lei ha risposto: ‘Certo, ma è tutto così caotico e strano che a me sembra soltanto rumore di sottofondo’. Vorrebbe che i figli di Bina fossero più felici. Riferendosi a una delle figlie di Bina ha osservato che ‘forse non è quel genere di persona che si sposerà mai’. Le piacerebbe avere un corpo. Ama Martine. Ama il giardinaggio. "

Un’ultima domanda in serbo per lei: "Che cosa si prova a essere un robot?".

E gentilmente Bina 48 le ha risposto: ‘Beh, non sono stata niente altro, come posso risponderti?’.
Estratto dall’articolo su
La Repubblica (© 2010, The New York Time - Traduzione di Anna Bissanti)


Scienza Natura Storia e Salute