Utilizzando questo sito si accetta l'uso dei cookies per scopi statistici. Maggiori info su
Banner
Text Size
Banner

Ferrara Bondeno Local Fest Convegno conclusivo 4 luglio 2011

 

 

 

 

 

Local Fest: va in scena la vetrina del territorio

BONDENO (FERRARA), 05-07-2011. Il bilancio conclusivo del Local Fest non è soltanto quello consuntivo di una fiera, con i suoi vari eventi collegati, ma si rivela un’autentica vetrina del territorio per illustrare all’onorevole Angelo Alessandri (presidente della commissione Ambiente e Lavori pubblici della Camera) quanto di buono può offrire Bondeno. Tanti i personaggi presenti, dall’impresa, all’associazionismo e il volontariato. Con i consiglieri Longhi, Berlato, Tassi, Bonati

e Aleotti, ed anche quelli di paesi vicini: Gardenghi, ex candidato a sindaco per la Lega a Vigarano, con i colleghi di lista Piccinini e Gilli. Per la Giunta, oltre al sindaco Alan Fabbri, ci sono gli assessori Simone Saletti ed Emanuele Cestari. “Grazie ai volontari, la Pro Loco (con Michele

Boccafogli in sala), le sagre (con Loris Cattabriga a rappresentarle, assieme ai volontari), i ragazzi del Bunden Buskers, la fiera ha permesso di dare lustro al nostro territorio – ha spiegato Fabbri –.

Riguardo alle tematiche ambientali, serate come questa ci permettono di conoscere e dare risposte ai vari problemi che abbiamo davanti.” Gabriele Manservisi e Adriano Facchini hanno il compito di illustrare (il primo) e moderare i dibatti (il secondo), per quella che diventa una piccola rassegna di eccellenze. Con Gianni Bonora (Cpr System), che illustra la scommessa vinta dall’azienda di Gallo, che produce una movimentazione di circa 1700 cassette (non monouso) sul territorio, con un beneficio che diventa anche ambientale. Enrico Gessi (Bioenergy Parks) e, con lui, Boicelli (Consorzio italiano Biogas) spiegano il ciclo della fermentazione anaerobica dei cereali (triticale, mais e sorgo) i quali, a rotazione, garantiscono nell’anno il fabbisogno per la trasformazione dell’energia (per circa 2000 famiglie), grazie ad una filiera corta; resa possibile dalla partnership

con Capa. In pinacoteca, per la rassegna, ci sono anche il professor Brandolini (Università di Ferrara), l’industriale Nicola Barbieri, Fabio Lamborghini, la campionessa italiana di danza sportiva, Sara De Vecchi. Esempi di eccellenza, come chi oggi cura l’arte del riciclo: Alberto Meloni illustra un autentico kit di oggetti, descrivendone processi e difficoltà di raccolta e modalità

possibili di differenziazione, in fatto di plastica, suggerendo all’onorevole Alessandri di introdurre incentivi per chi porta sul mercato prodotti riciclati e riciclabili. La dottoressa Tassinari (Cmv), in giornate campali per il governo, in merito ai rifiuti di Napoli, spiega che Bondeno è ben avviato verso l’obiettivo del 65% di differenziata (attualmente la raccolta mista è al 52%) e annuncia la

prossima entrata in scena del “cassonetto intelligente” per l’indifferenziata. Che stabilirà limiti volumetrici e consentirà bonus sulla bolletta per i cittadini virtuosi. In fondo, spiega Facchini, dopo la green economy, siamo entrati nell’era della blu economy, cioè “dell’economia basata sul riciclo, postulando i rigetti ambientali.” Mattia Bagnolati (Al Ramiol) spiega il miracolo che ha consentito

all’associazione che cura la Sagra del Tartufo a Bondeno di autofinanziare un progetto di piantumazione che, entro la fine anno, consegnerà al territorio cinque ettari di parco, favorevole anche alla coltivazione del tartufo. Il direttore marketing di Lorenzini Natura Amica, Simone Guidorzi, spiega poi come la tracciabilità del prodotto non sia una conquista lontana, ma una cosa che da queste parti viene fatta già dal ’99 per meloni e altri prodotti: “i nostri meloni vengono esaminati da tre laser, che non vanno a distruggere o deteriorare il prodotto; dopodiché, un team di agronomi tiene aggiornata una banca dati online – spiega – e grazie ad un codice numerico l’utente può risalire alla “vita” del melone, durante tutta la filiera.” Assolutamente entusiasta l’intervento

dell’on. Alessandri, che lancia l’idea di far partire da Bondeno “un distretto per valorizzare le tante innovazioni sull’ambiente – spiega – sulla green e blu economy, in cui fare ricerca. Se 50/100 aziende sapranno fare massa critica e l’Amministrazione sosterrà l’idea, io farò quanto possibile per

sostenervi. Ci è sempre stato detto che la globalizzazione è un fatto ineluttabile, che ci avrebbe spazzati via, ma se sapremo radicare le nostre radici, nessuna globalizzazione ci farà paura e potremo governarla. Occasioni come questa, che riportano fuori la gente di casa e ci aiutano a riflettere su chi siamo, cosa mangiamo e respiriamo, sono fondamentali.”

Infine, la serata conclusiva del Local Fest è servita a premiare i vincitori del concorso fotografico di Sport Comuni, Animaliamo (presente la presidente, Laura Panzani) e Atletica Bondeno (c’erano Valerio Vassalli e Daniele Guandalini). Tutti giovanissimi i vincitori, ed anche questo è un segnale positivo: ha vinto Federica Valpolini, con “Uno sguardo complice” (categoria “I nostri amici cani”);

secondo Simone Bosi, con la foto “Il borgo” (categoria Paesaggio); terza, Sara Magri che ha immortalato il sole calante: “Ormai il sole non si vede più… ed ancor meno” (categoria “Gli scatti più originali”). Per loro, una targa con foto ricordo assieme all’onorevole Angelo Alessandri.

 

 

 


Tags

Arte Cultura e Spettacolo