Utilizzando questo sito si accetta l'uso dei cookies per scopi statistici. Maggiori info su
Text Size
Banner
Banner

Ferrara Poggio Renatico Importante restyling per il cuore di Poggio Renatico

 IMPORTANTE RESTYLING PER IL CUORE DI POGGIO RENATICO 

Al via mercoledì 29 il restyling della piazza di Poggio Renatico. La manutenzione del centro del capoluogo, su cui affacciano l’antico Castello Lambertini e la secolare abbazia di San Michele, si propone di conciliare la messa in sicurezza con il suo ruolo di cuore pulsante del paese. «Le piazze Castello e del Popolo – spiega il vicesindaco Marco Bergami – rappresentano un unicum. Uno spazio in cui è possibile sostare, per poi muoversi in centro, e un luogo in cui organizzare e vivere iniziative aggregative. Il passaggio di veicoli, cicli e pedoni, in numero crescente in rapporto allo sviluppo del territorio, deve dunque essere ulteriormente tutelato, coniugando però questa esigenza con l’impiego della piazza per il mercato settimanale e le numerose manifestazioni della vita sociale e culturale della comunità».

Gli interventi prevedono una ripresa di eventuali sconnessioni dell’asfalto, il rifacimento della segnaletica orizzontale e la chiusura di uno dei tre varchi di accesso: il secondo su via Matteotti, provenendo dalla sede comunale. La chiusura, effettuata con barriere di cemento che in caso di necessità potranno essere rimosse, consentirà di realizzare un’area pedonale in prossimità degli esercizi che insistono sulla piazza. Il viale alberato diverrà inoltre un vero e proprio percorso pedonale ‘protetto’, anche grazie alla realizzazione di attraversamenti in corrispondenza dei due rimanenti varchi.

All’interno la circolazione sarà resa più sicura attraverso degli accorgimenti funzionali a una maggiore visibilità, in particolare nei punti di incrocio fra veicoli. I lavori saranno condotti a step, per evitare la totale chiusura della piazza e limitare i possibili disagi. «Tutte le scelte sono frutto di una riflessione condotta con gli uffici tecnici per coniugare sicurezza, funzionalità e utilizzo della piazza come vivace luogo di ritrovo – chiarisce Bergami -. A tale scopo, ad esempio, sono state evitate cordolature. Non dimentichiamo che la storia della nostra piazza è lunga e prestigiosa. Prima di ora e prima della precedente piazza Umberto I, già esisteva: grande prato di pertinenza della dimora dei Lambertini nell’’800, e, come documentao dall’Associazione Storico-Culturale Poggese, all’inizio del ‘700, centro del castellum, circoscritto da un corso d’acqua».


Tags

NOTIZIE