Utilizzando questo sito si accetta l'uso dei cookies per scopi statistici. Maggiori info su
Text Size
Banner
Banner

Ferrara L'artista centese Salvatore Amelio in una mostra per promuovere i prodotti agroalimentari del territorio

 

 “Omaggio all’altare di Pergamo”. Mostra di Salvatore Amelio per promuovere i prodotti agroalimentari del territorio 

 

Questo progetto artistico è diventato una mostra dal titolo: “Omaggio all’altare di Pergamo” che sarà inaugurata il prossimo 26 maggio all’istituto italiano di cultura a Berlino, nella sede dell’ambasciata italiana. L’esposizione resterà nella capitale tedesca fino al 7 luglio e l’iniziativa è sostenuta con il patrocinio di Provincia, Camera di Commercio, Club Unesco di Ferrara e dell’istituto italiano di cultura di Berlino.

La rielaborazione delle parti mancanti del fregio posto alla base dell’altare di Pergamo, ex capitale della cultura greca in epoca ellenistica come ha ricordato Amelio, è composta da 63  tavole realizzate a tecnica mista (tempera e pastello). L’intera opera è completata da sei dipinti di grandi dimensioni, che offrono una visione d’insieme di tutto il lavoro e da alcune sculture in bronzo.

Dal 17 al 25 settembre la mostra farà tappa in una delle sale dell’Imbarcadero del Castello Estense.

Le ragioni dell’iniziativa sono state spiegate dallo stesso artista centese autore dell’esposizione, dal presidente della Camera di Commercio, Carlo Alberto Roncarati e dall’assessore provinciale alle Attività produttive, Carlotta Gaiani.

“Il filone agroalimentare – ha detto – non vuol dire solo imprese (Andalini, Cavicchi, Gia, Negrini, Grandi, Pivetti, Lumi), ma rappresenta anche una parte fondamentale della cultura e della storia di un territorio”.

“La cultura – ha continuato il presidente Roncarati – come veicolo promozionale della qualità e tipicità dei prodotti di Ferrara e del suo territorio, con un canale aperto in Europa tramite le nostre istituzioni diplomatiche”.

“Un progetto interessante di promozione del territorio – ha aggiunto l’assessore – cui la Provincia ha prontamente risposto con il proprio patrocinio e offrendosi per ospitare la mostra in Castello Estense”.

Il catalogo è pubblicato per i tipi di Edisai edizioni, con la cura di Graziano Campanini.

A sottolineare questo legame culturale tra Ferrara e Berlino, anche Ugo De Nunzio, presidente del Club Unesco di Ferrara (costituito nel 2009). 

Nato a Zagarise in provincia di Catanzaro l’11 luglio 1948, si trasferisce a quindici anni a Cento (Fe).

 

 Nella vicina Bologna frequenta prima l’Istituto d’Arte e poi completa gli studi all’Accademia. Per diversi anni insegna storia dell’arte in molte scuole del territorio ed infine al liceo classico di Cento. È dal 1972 che inizia la sua partecipazione attiva a mostre collettive e personali. Attore tra i principali della scultura nazionale, il suo corso di lavoro non è dissimile da quello di altri scultori. La sua attività espositiva si concentra principalmente nel territorio circostante ai luoghi in cui vive ed opera, per allargarsi poi ai confini nazionali ed europei.

Parallelamente alla sua attività espositiva, realizza una notevole serie di sculture in bronzo per il territorio nel quale vive ed opera: in piazze, parchi, chiese. Queste sculture possono essere suddivise in due categorie: l’arte sacra e soggetti più laici dedicati al lavoro dell’uomo.

Numerosi volumi pubblicati mettono in risalto il suo percorso artistico, i cambiamenti ed i ripensamenti, le fedeltà, la cifra stilistica che lo contraddistingue dagli altri scultori, mentre le recensioni nei numerosissimi articoli sui giornali evidenziano la sua poliedrica attività di disegnatore, pittore, scultore.

Questa mostra dedicata all’Altare di Pergamo berlinese ne è un’alta dimostrazione artistica, nonché punto di partenza per nuove avventure culturali.


Tags

NOTIZIE