Utilizzando questo sito si accetta l'uso dei cookies per scopi statistici. Maggiori info su
Text Size
Banner
Banner

Ferrara Fiocco azzurro a Unife

 Fiocco Azzurro ad Unife

Nasce il nuovo canale di UnifeTv “Incontriamo i Ricercatori” 

Università di Ferrara: ricerca, studi, passione.  Tre parole che significano “Vita” e che hanno fatto nascere l’idea di realizzare nella giovane televisione universitaria UnifeTv un nuovo canale, visibile direttamente dalla homepage del sito unife.it, tutto dedicato al mondo della ricerca, che attraverso i suoi diretti protagonisti, racconta fatiche, progetti, soddisfazioni e risultati raggiunti.
E’ quindi possibile  ascoltare dalla viva voce dei nostri “Cervelli”, cosa significa per loro vivere ogni giorno nella e per
la Ricerca e come questo fondamentale settore del mondo accademico possa offrire un contributo attivo e vincente alla costruzione del benessere e della felicità di tutti noi.
“Incontriamo i Ricercatori”. E’ questo il nome del neonato canale Unifetv, dove è possibile vedere in streaming una prima serie di interviste ai protagonisti diretti, ricercatori e docenti, che vivono, lavorano e studiano quotidianamente in questo affascinante e complicato mondo mettendo a disposizione di tutti il loro talento. I Ricercatori si raccontano, svelano i segreti del loro mestiere, di
quell’appassionato lavoro che ogni giorno li coinvolge e lo fanno nella  cornice del Centro Universitario Sportivo di Ferrara, magnifica, struttura immersa nel verde, dove gli studenti, i docenti e tutta la città possono praticare i più svariati sport e trascorrere il tempo libero.
I video sono stati ideati e curati da Andrea Maggi e Maria Grazia Campantico dell’Ufficio Comunicazione ed Eventi di Unife, mentre il nuovo  palinsesto è stato realizzato, con il supporto informatico di Roberto Lissandrin,  da Video Master Multimedia sas di Ferrara.
Le prime interviste sono state fatte a diciannove “scienziati” di Unife che lavorano nei più diversi settori della ricerca scientifica. Stiamo parlando di Marta Arzarello, Ricercatrice della Sezione di
Paleobiologia, Preistoria e Antropologia, di Francesco Dondi, Delegato del Rettore alle Politiche di sostenibilità, di Marco Dondi, Associato del Dipartimento di Scienze umane, di Denis Ferraretti, Dottorando del Dipartimento di Ingegneria, di Davide Ferrari, Ricercatore della Sezione di Patologia Generale, di Hartmut Frank, Università di Bayreuth , di Mauro Gambaccini, Ordinario del Dipartimento di Fisica, di Roberto Gambari, Orinario del Dipartimento di Biochimica e Biologia molecolare, di Cesare Malagù, Ricercatore del Dipartimento di Fisica, di Roberto Manfredini, Associato della Sezione di Clinica medica, di Roberto Manservigi, Ordinario della Sezione di Microbiologia, di Roberto Marci, Associato della sezione della Clinica Ostetrica e Ginecologica, di Elena Marescotti, Ricercatrice del Dipartimento di Scienze Umane, di Francesco Mollica, Ricercatore del Dipartimento di Ingegneria, di Mirko Pinotti , Ricercatore della Sezione di Biologia molecolare, di Giorgio Rispoli, Associato della Sezione di Fisiobiologia e Biofisica, di Carmela Vaccaro, Associato del Dipartimento di Scienze della Terra, di Gaetano Zanghirati, Associato del Dipartimento di Matematica e di  Livio Zerbini, Ricercatore del dipartimento di Scienze storiche.

Ma presto ne seguiranno altre e  breve il canale si arricchirà di due nuove sezioni, una con  interviste e servizi in presa diretta nei laboratori e nelle biblioteche dell’Università. Non solo. E’ prevista la prossima realizzazione di una striscia periodica universitaria che diffonderà  le principale notizie di cronaca con le iniziative, le attività culturali e scientifiche ed i servizi a disposizione degli studenti.

Una iniziativa che segue gli altri, seguitissimi appuntamenti di aprile: “Aperitivi con la Ricerca”, serie di incontri con ricercatori e docenti Unife, che si sono tenuti presso il Bar del Cus Ferrara e
La Ricerca incontra i cittadini”, iniziativa che si è svolta i primi di maggio al Bar Tiffany di Piazza Municipale per presentare alla città come sono stati impiegati i fondi del “5 x mille”.


Tags

NOTIZIE