Utilizzando questo sito si accetta l'uso dei cookies per scopi statistici. Maggiori info su
Text Size
Banner
Banner

Ferrara Unife protagonista, uno studio scientifico sul corteggiamento dei volatili

 Unife protagonista con altre Università di uno studio scientifico

sulle esibizioni di corteggiamento di un volatile tropicale 

E’ stato pubblicato sulla rivista  scientifica Proceedings of the Royal Society of London, Series B: Biological Sciences lo studio scientifico Female choice for male motor skills” condotto dall’Università di Ferrara in collaborazione con la University of California, Los Angeles, e il Max-Planck-Institute for Ornithology, Radolfzell, Germania.

Lo studio ha dimostrato per la prima volta che le femmine preferiscono accoppiarsi con maschi che eseguono alcune routines dell'esibizione di corteggiamento più rapidamente di altri. La ricerca e' stata condotta su una specie di passeriforme tropicale, il manachino collodorato (Manacus vitellinus)

 “Le selezione sessuale e' una teoria proposta originariamente da Darwin – afferma il Prof. Leonida Fusani del Dipartimento di Biologia ed Evoluzione di Unife - per spiegare l'evoluzione di caratteristiche che appaiono decisamente in contrasto con la teoria della selezione naturale perché riducono le probabilità di sopravvivenza degli individui. Esempio tipico e' la coda del pavone, che oltre ad essere energeticamente costosa riduce la mobilità dell'animale e lo rende più visibile ai predatori. Darwin propose che questi 'ornamenti', assieme alle esibizioni di corteggiamento, si evolvono perchè aumentano il successo riproduttivo dei maschi che ottengono più successo con le femmine. Negli ultimi decenni molti lavori hanno fornito dati a supporto di questa teoria. Fino ad oggi, tuttavia, mancava una spiegazione per l'evoluzione di esibizioni di corteggiamento acrobatiche, dove i maschi compiono evoluzioni estremamente complesse ed energeticamente costose”.

“Le femmine - prosegue Fusani - distinguono differenze di centesimi di secondo, come hanno rivelato gli studi condotti con sofisticate videocamere ad alta velocità. Inoltre, l'applicazione di sensori miniaturizzati per il rilevamento a distanza della frequenza cardiaca ha mostrato che durante il corteggiamento il battito cardiaco dei maschi arriva fino ad oltre 1300 battiti al minuto, il valore più alto mai misurato in un vertebrato. Questo studio suggerisce quindi che le femmine di manachino selezionano i maschi in base alle loro esibizioni di corteggiamento perchè queste segnalano le qualità motorie e cardiovascolari del partner, che verranno poi trasmesse alla prole. Lo studio e' stato finanziato dalla National Geographic Society e dalla National Science Foundation degli USA”.


Tags

NOTIZIE