Utilizzando questo sito si accetta l'uso dei cookies per scopi statistici. Maggiori info su
Text Size
Banner
Banner

Ferrara 8 mag./12 giu. 2011 mostra "Meis. Architetture per un museo"

 MEIS ARCHITETTURE PER UN MUSEO

FERRARA, PALAZZO DEI DIAMANTI 8 MAGGIO – 12 GIUGNO 2011 

Domenica 8 maggio 2011, alle ore 11.00, nell’ambito della seconda edizione della Festa del Libro Ebraico in Italia, inaugura a Palazzo dei Diamanti a Ferrara MEIS. Architetture per un museo, una mostra interamente dedicata ai cinquantadue progetti che hanno partecipato al Concorso di Progettazione per il Museo Nazionale dell’Ebraismo Italiano e della Shoah di Ferrara. 

Il concorso, bandito dalla Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici dell’Emilia Romagna, si era posto come finalità l’individuazione del miglior progetto destinato a recuperare alla città il complesso delle ex Carceri di via Piangipane a Ferrara per farne un museo atto a “illustrare l’originalità della storia ebraica italiana nel contesto del più vasto ambito europeo e mediterraneo promuovere attività culturali volte a mettere a frutto, per il presente e per il futuro, il patrimonio di saperi, attività, idee ed esperienze, testimoniate dalla più che bimillenaria presenza ebraica in Italia”.

Per ottemperare a queste finalità, nel 2006 è stata istituita la Fondazione MEIS, alla quale partecipano il Ministero per i Beni e le Attività Culturali, il Comune di Ferrara, l’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane, la Fondazione Centro di Documentazione Ebraica Contemporanea (CDEC). 

La Giuria del Concorso - composta dal prof. Roberto Bonfil, dagli Arch. Guido Canali e Margherita Guccione, dall’Arch. Prof. Carlo Magnani e presieduta dall’Arch. Carla Di Francesco, Direttore Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici dell’Emilia Romagna,  – ha concluso i suoi lavori nel gennaio 2011, dopo aver accuratamente visionato cinquantadue proposte fatte pervenire da gruppi di progettisti di tutto il mondo. 

Il tema del concorso era di per sé delicato per la richiesta dell’Ente banditore di trasformare l’ex complesso delle carceri di via Piangipane in un luogo aperto alla città, reinserendo nella nuova configurazione architettonica almeno una porzione significativa dell’edificio preesistente. Il concorso comprendeva, infatti, la definizione dello spazio architettonico: il riuso del vecchio carcere di Ferrara e degli spazi accessori  - ad esclusione della palazzina che dà su via Piangipane -, la progettazione di nuovi spazi aperti o chiusi, l’allestimento del museo e delle modalità di presentazione degli argomenti prescelti. Il museo, inoltre, dovrà basare la sua attività sul supporto anche della tecnologia e della multimedialità. 

Compito dei concorrenti è stato dunque quello di progettare una struttura in grado di trasformarsi in museo e centro di produzione culturale dedicato alla storia ed all’attualità dell’Ebraismo in Italia, nell’ambito di un dialogo tra antico e nuovo che si è rivelato il vero punto focale delle proposte. 

Il risultato – un variegato e significativo panorama di ben cinquantadue soluzioni progettuali – sarà visibile nella mostra che Palazzo dei Diamanti ospiterà dall’8 maggio, rendendo possibile, da un lato, la comprensione del contesto urbano di riferimento, dall’altro l’approfondimento delle peculiarità dell’architettura scelta per il nascente Museo Nazionale dell’Ebraismo Italiano e della Shoah. 

Accanto al progetto vincitore – aggiudicato dallo Studio Arco Architettura di Bologna, capogruppo del team di progettazione, “per la qualità della soluzione proposta che vede un intervento misurato e flessibile, di grande permeabilità urbana” sarà quindi possibile visionare gli altri cinquantadue progetti che hanno concorso al bando, in un lungo e interessante viaggio all’interno di proposte variegate ma di grande impatto e interesse architettonico. 

La mostra MEIS. Architetture per un museo, che resterà aperta sino al 12 giugno (dal martedì alla domenica dalle 10.00 alle 18.00; aperture straordinarie lunedì 9 maggio e giovedì 2 giugno), è organizzata e promossa da MiBAC - Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici dell’Emilia Romagna, dal Comune di Ferrara, dalla Fondazione Museo Nazionale dell’Ebraismo Italiano e della Shoah.   


Tags

NOTIZIE