Utilizzando questo sito si accetta l'uso dei cookies per scopi statistici. Maggiori info su
Text Size
Banner
Banner

Torino: nasce la piccola Idil, ecco le prime foto. La madre era tenuta in vita per salvare la figlia.

 Ecco le prime foto: clicca qui.

E' nata. La piccola pesa 760 grammi.

''La bimba sta bene, ha pianto, ma bisogna essere molto molto cauti'. Cosi' Tullia Todros, direttore del dipartimento di ostetricia e neonatologia del Sant'Anna sulla nascita della piccola da una donna in coma irreversibile. ''Abbiamo deciso stamattina, d'accordo con i rianimatori, che era arrivato il momento del parto cesareo: il rischio - ha spiegato la professoressa Todros - era maggiore lasciando la piccola nell'utero di quanto lo fosse effettuando il parto''. L'intervento e' durato una decina di minuti, un tempo normale per una operazione di questo genere.
Ora e' ricoverata nel reparto di Neonatologia intensiva dell'ospedale Sant'Anna. ''In queste prime ore non possiamo sbilanciarci - spiega il professor Enrico Bertino, direttore della divisione - si tratta di un caso molto speciale e con pochi precedenti. Al parto Idil era vispa, con bel colorito, rispetto alle condizioni in cui e' vissuta, si e' ossigenata subito. Ma i rischi legati alla particolare situazione biologica sono tanti, dalla maturazione degli organi, al pericolo di malattie infettive alla stessa respirazione'' ''In media - aggiunge Bertino - il 90 per cento nati prematuri sopravvive, e il 90 per cento di questi vive poi senza problemi, ma quello della piccola somala e' un caso molto molto particolare''. 
Ieri la gestazione era entrata nella 28/a settimana ed i medici hanno tentato di prolungare il piu' possibile la permanenza della bambina nel grembo materno.

La mamma, una donna somala di 28 anni, è stata colpita da una grave forma di tumore al cervello e da un mese e' tenuta in vita artificialmente allo scopo di per far nascere la piccola.

Sara' la commissione per l'accertamento della morte cerebrale a valutare se sarà giunto il momento di staccare i macchinari che tengono ancora artificialmente in vita la donna in coma irreversibile da cui e' oggi e' nata la piccola Idil (questa la grafia esatta del nome di madre e figlia).

Dopo il parto le condizioni della donna sono ulteriormente peggiorate e la paziente verra' sottoposta ad elettroencefalogramma e ad altri esami strumentali. 

La morte risale alle 16,10 ma risulta protocollata alle 22,10, quando i medici hanno staccato le spine dei macchinari che la tenevano in vita dalla fine di agosto al fine di aiutare la piccola che aveva in grembo. La donna era stata colpita da un tumore al cervello.

Fonte: Ansa 28 set.2010; Leggo 29 set


Tags

NOTIZIE